Premessa: Alcune cose sono tradotte pari pari dal forum SI, che è stata un’ottima fonte di sapere.

Col passare degli anni, secondo me, lo sviluppo del settore giovanile e la crescita dei nostri giovani campioncini sono diventati sempre più complessi e “realistici”.
Prima il discorso si limitava al semplice “ha 18 anni, fallo giocare un po’ e vedrai che raggiunge la sua PA”, da un po’ di anni invece, e specialmente nell’ultimo FM, la crescita di un giocatore passa da molteplici fattori.

Introduzione

Crescita di un giovane

Fattori mentali
– Carattere
– Qualità mentali

Fattori tecnici
– Focus di allenamento
– Mosse preferite

Fattori organizzativi
– Strutture societarie
– Staff di preparatori

Perché concentrarsi sul settore giovanile

1) Perché in FM13 acquistare i giovani fenomeni è diventato proibitivo, le richieste della CPU sono sempre molto elevate e potrebbero arrivare a chiedervi svariati milioni per giocatori nemmeno maggiorenni.
2) Perché l’impatto sul bilancio è minimo, e soprattutto le piccole squadre avranno la possibilità, dopo aver cresciuto un giocatore, di venderlo ad un ottimo prezzo. Immaginate ogni due-tre anni di portare un paio di fenomeni della vostra cantera in prima squadra, e di rivenderli poi a 20 milioni ciascuno. Un introito di 40 milioni ogni due-tre anni significherebbe, per una piccola, pagarsi gli stipendi della squadra di un paio di stagioni.
3) Perché possiamo forgiare i giocatori che servono al nostro modulo tattico. Abbiamo un regista 15enne che promette bene? Tramite il tutoraggio e l’insegnamento delle giuste PPM (Player Preferred Moves) in pochi anni potrebbe diventare un pilastro della nostra formazione titolare.

La new generation

Il giorno in cui le nuove promesse del club vengono reclutate, per essere valutate e poi eventualmente messe sotto contratto, è sempre molto atteso da noi allenatori.
Di solito la giovane nidiata viene presentata dal responsabile del settore giovanile, che evidenzia inoltre quale sia l’elemento dotato di maggior talento tra le new entry. Ovviamente, migliori saranno le vostre strutture e l’afflusso di giovani nel vostro settore giovanile, maggiori saranno le probabilità di ritrovarvi un futuro fenomeno tra le mani.
I giocatori hanno tutti fra i 14-15 anni, dunque hanno davanti a loro circa 10 anni per migliorarsi come persone e come giocatori. Il tempo per plasmarli e farli diventare dei futuri crack è tantissimo.

Il percorso da seguire

10 anni di gioco sono tantissimi.
Se non vi piace giocare alla Ferguson e non restate sulla stessa panchina per più di due stagioni, allora intraprendere questo percorso sarà impossibile. Allenare e crescere i giovani richiede molta pazienza, potrebbero esserci degli intoppi come lunghi infortuni, valori in calo o prestazioni deludenti. Lì un buon manager deve capire se c’è ancora margine di riuscita o il talento rimarrà incompiuto, d’altronde il detto “uno su mille ce la fa” non viene detto per caso. Avere 8 under 16 con potenziale 4+ stelle non significa che fra 5 anni dominerete il mondo con la vostra baby gang.14-17 anni – Tecnica/atletica
18 anni – Focus primario: Personalità / Focus secondari: Nuova Posizione, Tecnica
18-22 anni – Focus Primario: PPM, Nuova Posizione
Il prestito: non è strettamente necessario. Se a 18 anni vediamo che l’abilità attuale ha raggiunto almeno le due stelle, possiamo sicuramente proporlo per qualche spezzone e vedere come se la cava in prima squadra. Dopo 7-8 partite potremo dunque stabilire se è già pronto per avere un posto nella nostra squadra, o se magari è il caso di mandarlo qualche mese a farsi le ossa.

Personalità dei giocatori

La personalità dei giocatori viene determinata dai loro valori mentali nascosti:

  • Adattabilità
  • Ambizione
  • Controversia
  • Lealtà
  • Pressione
  • Professionalità
  • Fair play
  • Temperamento

Talvolta, nella descrizione del carattere subentrano altri due fattori:

  • Determinazione
  • Influenza

Notate anche che i vostri osservatori e preparatori, di tanto in tanto, vi informano di altre caratteristiche mentali che non abbiamo ancora citato. Non capita spesso, ad ogni modo ve le elenco di seguito:

  • Efficacia
  • Meschinità
  • Partite importanti
  • Propensione all’infortunio
  • Versatilità

La personalità dei giocatori è una parte fondamentale di Football Manager e spesso viene tralasciata dagli allenatori, quando invece può raccontarvi molto di un determinato giocatore e di come potrebbe reagire ai fattori esterni come i team talk, avvenimenti fuori dal campo e così via.

Un altro fattore fondamentale della personalità dei giocatori è il rapporto con i media. Spiegare il legame con la personalità del giocatore è abbastanza complicato, ne parleremo più avanti. Per il momento, mi limito a linkarvi questo thread dal forum SI:

LINK

Newgen – L’importanza del carattere

Ogni nuovo giocatore generato dal gioco avrà una propria personalità.
Di seguito elenco tutte le personalità presenti in Football Manager, specificando da quali attributi vengono determinate e quali sono quelle che meglio si addicono ad un giocatore di talento.

  • Cittadino modello: Pro 18-20, Det 18-20, Pre 18-20, Amb 18-20, Lea 18-20, Spo 18-20, Tem 18-20
  • Professionista modello: Pro 20, Tem 10-20
  • Professionale: Pro 18-19, Tem 10-20
  • Perfezionista: Pro 18-20, Det 18-20, Amb 18-20, Tem 1-9
  • Risoluto: Pro 15-20, Det 15-20, Pre 1-16 Spo 5-20
  • Volubile: Tem 1-4, Pro 1-10
  • Motivato: Det 20, Amb 10-20
  • Determinato: Det 18-19, Amb 10-20
  • Pigro: Pro 1, Det 1-9, Tem 5-20
  • Superficiale: Pro 2-4, Det 1-9, Tem 5-20
  • Molto ambizioso: Amb 20, Lea 1-9, Det 1-17
  • Ambizioso: Amb 16-19, Lea 1-9, Det 1-17
  • Senza ambizioni: Amb 1-5, Lea 11-20
  • Onesto: Spo 20, Det 1-9, Pro 5-20
  • Sportivo: Spo 18-19, Det 1-9, Pro 5-20
  • Facilmente scoraggiato: Det 1, Amb 1-9, Spo 1-17, Pro 5-20
  • Poco determinato: Det 2-5, Amb 1-9, Spo 1-17, Pro 5-20
  • Antisportivo: Spo 1, Det 11-20
  • Realista: Spo 2-4, Det 11-20
  • Molto leale: Lea 20, Amb 6-7, Det 6-20
  • Leale: Lea 18-19, Amb 6-7, Det 6-20
  • Volontà ferrea: Pre 20, Det 15-20, Spo 5-20
  • Forte: Pre 17-19, Det 15-20, Spo 5-20
  • Senza verve: Pre 1, Det 1-9, Pro 5-20, Spo 1-17
  • Crede poco in se stesso: Pre 2-3, Det 1-9, Pro 5-20, Spo 1-17
  • Scanzonato: Pre 15-20, Spo 15-20, Tem 10-20, Pro 1-17
  • Vivace: Pre 15-20, Tem 10-20, Pro 11-17, Spo 1-14
  • Allegro: Pre 15-20, Tem 10-20, Pro 1-10, Spo 1-14
  • Abbastanza professionale: Pro 15-20, Det 1-14
  • Abbastanza determinato: Det 15-20, Pro 1-14, Spo 5-20, Pre 1-16
  • Abbastanza ambizioso: Amb 15-20, Pro 1-14, Det 1-14
  • Abbastanza leale: Lea 15-20, Pro 1-14, Det 1-14, Amb 6-14
  • Abbastanza sportivo: Spo 15-20, Pro & Det & Amb & Lea tutte 1-14
  • Equilibrato: Pro 1-14, Det 1-14, Amb 1-14, Lea & Spo 1-14
  • Leader nato: Inf 20 & Det 20. Deve avere 23+ anni (se il requisito età non viene rispettato, allora sarà Motivato).
  • Fedele: Lea 20 & Amb 6-7
  • Leader: Inf 19 or Inf 20 & Det < 20

Queste sono tutte le personalità dei nuovi giocatori creati da FM.
Ovviamente, perché abbiano una crescita regolare, dobbiamo cercare di metterli tutti sulla strada giusta e quindi “limare” quei caratteri un po’ sregolati, proprio come succede nella realtà. Quante volte abbiamo sentito dire “gran tecnica, peccato che non ha la testa…”. Questo è esattamente quello che succede nel gioco, molti giocatori sembrano i futuri Messi ma poi in campo sono fumosi e non fanno mai quello che chiediamo loro.
La personalità conta moltissimo, ricordatelo.

Evidenzierò di seguito le poche personalità che è bene che i vostri giocatori e giovani abbiano:

  • Cittadino modello – La miglior scelta, ma se ne vedono davvero pochi di questi profili.
  • Risoluto – Alto livello di determinazione e professionalità. La determinazione non è fondamentale per forgiare un giovane calciatore, ma è sempre un aiuto negli eventi sul campo e dal punto di vista tattico.
  • Perfezionista – Alta determinazione, ambizione e professionalità anche se basso temperamento.
  • Motivato – Buon temperamento, ottima pressione e professionalità.
  • Professionista modello/Professionale/Abbastanza professionale – Buona professionalità e temperamento nella media.

Ovviamente oguno di voi potrà decidere quale sarà il target caratteriale, ci sono svariati profili e nella lista non ho incluso altri caratteri positivi. E’ bene comunque evitare tutti quei caratteri negativi, che sicuramente ostacoleranno la crescita del vostro giovane, oppure cercare di cambiare il carattere dei vostri giocatori.

1° periodo: 14-17 anni

Questa fase di 3-4 stagioni io la utilizzo per colmare le lacune tecniche/fisiche dei miei giocatori.
Prendo in considerazione solo quei giovani con almeno 3,5/4 stelle di potenziale, sugli altri non perdo molto tempo perché so già che non saranno utili alla causa.
Entrate nella scheda di ogni giocatore. C’è un’opzione importante in FM che vi permette di evidenziare i valori chiave per un ruolo. Quindi, se avete un esterno con ruolo preferito ala, evidenziate i suoi attributi chiave in base al ruolo preferito e scoprite quali qualità necessitano di maggior lavoro.
Per le ali, di solito, sono fondamentali accelerazione, velocità, dribbling e cross. Per un 14enne dal buon potenziale ci aspettiamo che i valori siano almeno a 9-10, quindi non esitate ad assegnargli un focus di allenamento se uno dei valori fondamentali è minore o uguale a 8.E’ importante seguire il progresso dei vostri giovani in maniera costante.Sempre dalla scheda delle qualità, potrete notare i miglioramenti o peggioramenti degli attributi, che vi vengono indicati dalle apposite frecce verdi o rosse.
Io faccio sempre uno screen dei giocatori più promettenti a luglio, in fase di preparazione della stagione, e 12 mesi dopo vado a fare un raffronto per tirare le somme.

Il giudizio sul miglioramento di un determinato giocatore sta ad ognuno di voi ma è influenzato anche dal carico di allenamento che diamo loro. Se assegniamo ad un giovane un focus particolare e magari in aggiunta anche una ppm da imparare, il focus verrà messo in secondo piano e quindi la qualità aumenterà molto più lentamente.
Per questo preferisco sempre concentrarmi solo sui focus almeno fino al 17° anno d’età.
Ricordatevi che i giocatori possono migliorare la loro CA fino ai 24 anni d’età, dunque non dobbiamo avere fretta nel “costruire” il nostro fenomeno in un paio di stagioni o finiremo con il rovinare tutto.

Nel sommario annuale, tra i 14 e 17 anni, si va a guardare dunque soprattutto il miglioramento tecnico. Un miglioramento impercettibile o nullo può essere dovuto ad una personalità del giocatore particolarmente negativa, oppure a dei valori di Impegno e Determinazione minori di 8-10. In quel caso possiamo anticipare i tempi del tutoraggio e far seguire il giovane da un giocatore più esperto. Resta il fatto che, secondo me, alcuni giocatori particolari (es. personalità Antisportivo, Impegno 5), anche con tutti i mezzi a disposizione, siano difficilmente “addestrabili”.

Il tutoring – Scopo e modalità

Se avete un potenziale fuoriclasse dal carattere ribelle nella vostra Under, potete cercare di portarlo sulla retta via mediante il tutoraggio da parte di un giocatore più esperto. Il giocatore che farà da tutor deve ovviamente rispettare dei criteri, tra i quali assolutamente avere una delle best five personalities citate sopra.
Il tutoring è utile anche se volete che un giovane impari una PPM da un altro giocatore della squadra. Ci sono due tipi di frasi, nella conversazione con i vostri giocatori, per chiedere ad un giocatore di fare da tutor ad un giovane:- Chiedi al giocatore di fare da tutor a Player X, perché pensi che possa migliorare il suo gioco —> PPM
– Chiedi al giocatore di fare da tutor a Player X, perché credi che possa crescere dentro e fuori dal campo —> PersonalitàIniziamo ponendo dei criteri basi per attivare un tutoraggio fra 2 giocatori:

  • Il giovane giocatore non può essere messo sotto tutoraggio se sta imparando una PPM
  • Il tutore deve avere un ruolo simile a quello del giovane. Basta che abbia almeno la dicitura “Può giocare”, mentre il ragazzo deve essere “Bravo” o “Naturale” in quella posizione.
  • Il tutore deve avere una reputazione maggiore per poter svolgere questo compito.
  • Il tutore deve avere un ruolo superiore in squadra, ed il ragazzo potrà essere seguito solo se la sua condizione è “Utile per il turn-over” o inferiore.
  • Il tutor deve avere almeno 23 anni, a meno che non sia il capitano (in tal caso, nessun limite d’età). Il giovane da crescere dev’essere ovviamente più giovane del tutore.

Portare a buon fine il tutoraggio richiede 180 giorni.