Il nostro giro nell’Europa “meno considerata” inizia dai Paesi Bassi dove il PSV si sbarazza 3-0 dell’AZ e stacca l’Ajax, bloccato sull’1-1 dal Twente. Nel weekend degli autogol anche l’Eredivisie da il suo contributo con lo splendido gesto tecnico (nella porta sbagliata) del giocatore del Dordrecht Josimar Lima.

In Belgio fatica la capofila Anderlecht che con Defour rimonta il gol di svantaggio sul campo del Mechelen mentre continua la grossa crisi dello Standard che viene addirittura sconfitto in casa dal fanalino di coda Zulte-Waregem. Grossa colpa al portiere Kawashima sul primo gol…

In Portogallo solito duo Benfica-Porto con i biancoblu che devono ancora ringraziare Quintero per il 2-1 al Braga.

L’Hamilton continua a guidare la massima competizione in Scozia (3-0 all’Aberdeen), seguono Dundee e Inverness, entrambe vincenti. Botto del Celtic che vince 5-0 sul campo della cenerentola Ross County.

Due al vertice in Austria con il Pellets sconfitto in casa dal Groedig e il solito Salisburgo che sale a fargli compagnia.

Impresa in Grecia per l’OFI di Gattuso che dopo 27 anni di attesa sbanca il campo del Panathinaikos (decisivo Makris al 90°). Splendida la prima rete di Merebashvili.

 

Vince ancora il Veria (in gol Dumitru) che resta ad un solo punto dal PAOK, anch’esso vincente.

In Svizzera Zurigo sempre un punto avanti al Basilea mentre in Turchia il Galatasaray vince un infuocato derby col Fenerbahce. Succede tutto nel finale: Sneijder per i giallorossi al minuto 88, raddoppio dello stesso ex Inter al 90° e immediata risposta, che sarà inutile, del Fenerbahce.

Gol a grappoli in Bosnia dove al 7-2 della capolista Siroki al Celik risponde il 5-2 dell’Olimpic al Drina. Bellissima lotta in Polonia con Legia, Jagiellonia e Slask tutti a 23 punti. Da segnalare lo 0-5 del Wisla sul terreno del Gornik.

In Romania Steaua che ne fa 4 all’U.Cluj con il CFR Cluj che tiene il passo battendo la Dinamo Bucarest.

Più a Est per segnalare in Russia lo Zenit capofila che sul campo del Krasnodar va sotto di due reti prima di chiudere in pari. CSKA che ne fa 6 all’altra squadra di Kuban.

In Serbia, dopo la brutta notte vissuta con la Nazionale, si riprende con l’infuocato deby di Belgrado che va al Partizan (piegata la Stella Rossa da un gol di Drincic a 13 dalla fine). Vojvodina fermato dal Cacak, quindi Partizan primo da solo (e con una gara in meno).

In Ucraina vincono tutte le tre di testa (Shakhtar, Dinamo e Dnipro), in Slovenia domina il Domzale, in Croazia la Dinamo mentre in Repubblica Ceca il Plzen precede di un punto lo Sparta Praga (entrambe vincenti).