Presentiamo una piccola guida di wwfan, moderatore sul forum SI e responsabile del reparto tattico di FM, che ci illustra i cambiamenti del ME in Football Manager 2013 e come dovremmo interpretarlo per riuscire a creare una buona tattica.

Traduzione a cura di iciomn.

Guida per capire il motore tattico di Fm2013 e creare una tattica vincente

Premessa

Fino a FM12 anche le tattiche più solide e logiche potevano essere battute dalle super-tattiche fatte dagli utenti, che traevano vantaggio dalle idiosincrasie e dai bachi del motore tattico (ME da ora in poi). La carenza più importante è riferita alla mancanza di identificazione delle collisioni; in pratica gli utenti potevano usare una tattica con un attaccante statico di riferimento (ad esempio un 4-2-3-1 con un poacher/target man) ed iniziare a fargli arrivare palloni filtranti, palloni che lui poteva tranquillamente raccogliere passando letteralmente attraverso i difensori. Da qui la mancanza di collisioni che garantiva all’attaccante un certo numero di occasioni da gol in ogni partita ed in quasi tutti i sistemi di gioco. Metti un buon giocatore come attaccante con alle spalle due centrocampisti dai piedi buoni, una difesa solida e la tua tattica è già pronta e funzionante.
Scoperto il modo di essere imbattibili? Non proprio perchè a quel punto la IA (le squadre controllate dal computer) tendeva a tenere bassa la difesa e circondare gli attaccanti con un sacco di difensori, rendendo loro difficile la possibilità di tirare. Emergeva un altro aspetto del gioco che faceva infuriare i giocatori: un sacco di tiri e pochi gol mentre l’IA spesso segnava al primo tiro. Molte volte questo scenario si concretizzava in seguito al cambiamento di morale del team ‘umano’ che diventava ansioso o frustrato per le occasioni sbagliate e pertanto era più portato a fare errori in difesa che spesso provocavano il gol a favore della squadra avversaria.

Questo accadeva soprattutto con le squadre di livello più basso, che tendevano a giocare in maniera molto difensiva mentre invece contro squadre di livello più alto il sistema funzionava meglio perchè tali squadre lasciavano più libertà agli attaccanti.
Di sicuro stiamo parlando di meccanismi tattici poco coerenti con la realtà. Nonostante l’IA non sia sempre stata in grado di affrontare bene queste tattiche-cheat, è provato che contro un buon avversario umano queste super-tattiche fallivano miseramente con ulteriori frustrazioni per gli utenti che nelle partite online avevano dei riscontri totalmente diversi.
La capacità del ME di FM2013 di identificare le collisioni non permette più all’attaccante statico rifornito continuamente da un attacco uni-dimensionale di giocare. Non può più passare come un fantasma attraverso le difese avversarie ma deve aggirare i difensori che possono bloccarlo e togliergli spazio. Di conseguenza il 90% delle tattiche elaborate sino ad ora sono in pratica da considerarsi di questo tipo (uni-direzionali verso gli attaccanti centrali) e pertanto da buttar via (il restante 10% contiene delle illogicità clamorose).

Impariamo a questo punto come definire una tattica in FM2013.

Football manager 2013
Guida per preparare una tattica funzionante a Football Manager 2013

  1. ammettere di avere un problema con le tattiche e prepararsi a cambiare totalmente approccio. Senza questo passaggio non si faranno passi avanti.
  2. ammenochè non siate sicuri al 100% del funzionamento degli sliders e della loro interazione con la tattica, non usateli. All’inizio in ogni caso non modificate manualmente alcun settaggio; almeno nel breve periodo utilizzate in tutto e per tutto solo il Tactic Creator (TC). Come modifiche eventualmente usate solo la checkbox relativa al regista ed al fulcro di gioco ed il tipo di passaggi da utilizzare per il fulcro di gioco.
  3. tenete sempre in considerazione il fatto che i nomi delle strategie non sono così rigidi come sembrano. La strategia difensiva pemette di attaccare in contropiede e d’altrocanto una strategia d’attacco può essere comunque solida in difesa. Al di là dei due estremi (Contenimento ed ultraoffensiva), ogni strategia ha una componente offensiva ed una difensiva. Un valido schema di regole da seguire può essere quello che se vuoi giocare con un sacco di centrocampisti bassi ed un gioco basato su passaggi corti la scelta ricade necessariamente su una strategia meno offensiva, mentre se vuoi usare delle vere ali offensive, schierate alte sul campo e con uno stile di passaggi diretti, la scelta dovrebbe ricadere su una strategia più offensiva. Scegli e salvati tre strategie principali che devono essere allenate ma non preoccuparti di quelle di riserva e se sono state recepite o meno dai giocatori. Concentrati su uno stile specifico ed usa quello quello come base tattica in tutte le tue partite fino a che non diventi abbastanza sicuro sui processi decisionali ed i loro effetti.
  4. concentrati sui ruoli e sui compiti assegnati col TC. Sii sicuro di avere compiti offensivi nel pacchetto di difesa, almeno un compito offensivo ed uno difensivo a centrocampo ed uno di supporto in attacco (specialmente se hai un unico attaccante centrale).  Assicurati di avere almeno un giocatore a centrocampo con chiari compiti da ‘centrocampista’, dedicato a fare il lavoro sporco e faticoso in mediana. Se vuoi usare un regista devi metterlo in condizione di poter pescare i suoi compagni di squadra, perchè in caso contrario resterebbe troppo isolato ed avulso dal gioco (vedi punto 11).
  5. verifica la schermata di comparazione delle abilità di squadra per capire i punti di forza e di debolezza rispetto alla media del tuo campionato. Prova a quel punto a a fare degli adattamenti tattici per esaltare i punti di forza e rinforzare i punti di debolezza del tuo team ( ad esempio se hai una squadra lenta usa una tattica attendista mentre se la tua squadra è mediamente veloce e resistente usa più pressing).
  6. usa le ‘grida’ (shouts-istruzioni da bordocampo) per rifinire e poi salvare il tuo stile di gioco preferito, che dovrebbe adattarsi ai tuoi punti di forza/debolezza. Ad esempio un team molto tecnico può aspettare in difesa l’avversario per poi ripartire in velocità; per perseguire questi meccanismi puoi utilizzare le grida ‘mantieni il possesso palla’‘passa negli spazi’ e ‘corri in difesa’. Un team meno tecnico e più fisico potrebbe provare ad imporsi in modo differente; potrebbe essere interessante usare ‘buttate la palla’, ‘crossa di prima’ e ‘fate contrasti aggressivi’.
  7. prima di ogni partita controlla le condizioni atmosferiche e la formazione degli avversari per determinare la tua strategia di partita. Può essere difficoltoso giocare in contropiede in un campo pesante per cui potrebbe capitarti di non poter utilizzare la tua strategia preferita e giocare una partita diversa. Potresti in quel caso decidere di affrontare gli avversari con una formazione larga e giocare sulle fasce per attaccare sui fianchi o ricercare le sovrapposizioni.
  8. verifica la formazione della squadra avversaria e le condizioni/abilità dei suoi giocatori e usa le Opponent Instructions per fronteggiarli. Potresti usare le OI per fermare i giocatori più pericolosi o fermare i cross o mettere in difficoltà giocatori fuori condizione, scarsi o paurosi.
  9. gioca la partita. Durante l’incontro non essere timoroso di cambiare le cose tramite le ‘grida’ o adottando diverse strategie se le cose non andassero bene. Cerca comunque di mantenere una logica sottostante piuttosto che fare dei tentativi un po’ a caso. Ad esempio potresti pensare che tenersi bassi e puntare al contropiede potrebbe procurarti più occasioni che avere un atteggiamento più aggressivo, a causa del fatto che dovresti invitare gli avversari a scoprirsi di più, e scegliere una strategia di conseguenza. Una volta passato in vantaggio devi poi decidere se premere di più e puntare al raddoppio o ricercare il mantenimento del risultato ed agire di conseguenza.
  10. tenere sempre presente che il ‘discorso alla squadra’ è contestuale, cioè non è riferito solo al risultato ma a quello che dovrebbe essere il risultato rispetto alla qualità/reputazione degli avversari ed alla qualità del gioco che la tua squadra sta esprimendo. Alcune volte pareggiare 0-0 potrebbe essere un ottimo traguardo, altre volte una vittoria striminzita per 2-0 contro una squadra palesemente più scarsa potrebbe addirittura portare ad un rimprovero dei tuoi giocatori. In pratica si dovrebbe reagire in base allo scenario complessivo e non limitarsi al risultato.
  11. mai pensare di aver capito tutto. Ad esempio potresti realizzare che la tua strategia di ‘passare negli spazi’ non funziona bene quando utilizzi una strategia d’attacco. Guardando il match completo potrebbe emergere che molti giocatori avanzano troppo in profondità senza avere dietro un regista adeguato.  Di conseguenza, con una strategia meno aggressiva avresti meno giocatori isolati in avanti e più possibilità di passaggi per il regista arretrato. Pertanto in questo caso sarebbe opportuno passare da una strategia offensiva ad una standard o di contropiede e poi ridefinire ruoli e istruzioni a bordocampo per dare comunque uno stile offensivo alla squadra.

Elenco istruzioni da bordocampo

Tenete palla Indica ai tuoi giocatori di mantenere il possesso della palla.
Date la palla avanti Indica ai giocatori di mandare la palla nella zona d’attacco.
Giocate la palla negli spazi Indica ai giocatori di sfruttare gli spazi per giocare la palla.
Passatela sui piedi Indica ai giocatori di passare la palla rasoterra sui piedi dei compagni.
Buttate la palla Indica ai giocatori di buttare la palla nell’area avversaria, con lanci lunghi e passaggi alti.
Lanciate la palla in fascia Indica ai giocatori di allargare il gioco sulle fasce, per permettere agli attaccanti di ricevere palla.
Tirate appena possibile Indica ai giocatori di tirare in porta ad ogni opportunità, invece di prolungare l’azione con ulteriori manovre.
Portate il pallone in area Indica ai giocatori di manovrare pazientemente, effettuare aperture fino a penetrare in area avversaria.
Sfruttate le fasce Indica ai giocatori di sfruttare il gioco sulle fasce chiamando costantemente in causa le ali, magari per sfruttare il punto debole degli avversari.
Sfruttate il centro Indica ai giocatori di giocare nella zona centrale del campo, magari per sfruttare un punto debole dell’avversario.
Cercate di sovrapporvi Indica ai giocatori di tener palla e di cercare una sovrapposizione, per esempio di un terzino.
Rallentate il ritmo Indica ai giocatori di tenere palla per recuperare un po’ di energie fisiche prima di rilanciarsi all’attacco.
Giocate più larghi Indica ai giocatori di sfruttare di più il campo giocando larghi.
Giocate più stretti Indica ai giocatori di giocare più compatti sfruttando principalmente la fascia centrale del campo.
State più alti Indica ai giocatori di spostarsi più in avanti nel campo, con la linea difensiva vicino al centrocampo.
State più indietro Indica ai giocatori di indietreggiare, difendendo nella loro metà campo..
Disturbate gli avversari Indica ai giocatori di attaccare gli avversari e pressarli, cercando di fargli commettere degli errori.
Lasciate un po’di spazio agli avversari Indica ai giocatori di dare spazio agli avversari, facendo gruppo in difesa e riducendo così al minimo il rischio di farsi trovare impreparati.
Fate contrasti aggressivi Indica ai giocatori di contrastare ed eseguire tackle decisi sugli avversari. Questo può portare ad un alto numero di falli e sanzioni disciplinari.
Resta in piedi Indica ai giocatori di stare in piedi invece di andare a terra quando effettuano dei contrasti.
Giocate il più sicuro possibile Se vuoi difendere il tuo vantaggio, indica ai giocatori di fare giocate semplici e sicure per non rischiare errori.
Prendetevi più rischi Se stai perdendo, indica ai tuoi giocatori di correre tutti i rischi necessari per recuperare il risultato.
Corri in difesa Chiedi ai giocatori di giocare in difesa più di quanto preveda la tattica selezionata.
Giocate palla a terra Indica ai giocatori di farsi strada attraverso la difesa avversaria con passaggi a terra.
Eludete la difesa facendo girare il pallone Incoraggia i giocatori a partire dalla difesa palla a terra, piuttosto che spazzandola o con lanci lunghi.
Cross di prima Indica ai giocatori di crossare il prima possibile dalla tre quarti, invece di arrivare sulla linea di fondo.