Football Manager 2015 – Relazioni tra filosofie/stili di gioco e strategie/mentalità di squadra

Già dall’edizione 2014 di Football Manager è stata tolta l’opzione di modificare/visualizzare le sliders relative alle istruzioni di squadra ed a quelle dei giocatori. Questa guida vuole cercare di rendere chiare alcune definizioni relative agli stili/filosofie di gioco ed alle strategie/mentalità di squadra; dal punto di vista del glossario la mentalità è strettamente collegata alla ‘libertà di inventare’ (creative freedom). Dal punto di vista dei movimenti dei giocatori la mentalità definisce di quanto il giocatore può muoversi in verticale in fase di possesso palla mentre la libertà di inventare fa riferimento  all’ampiezza dei movimenti verticali ed orizzontali.

Football Manager – Filosofia/stile di gioco

Entrambi i concetti sono collegati alla mentalità ed alla libertà di inventare. Essi variano dall’essere molto strutturati con una bassa libertà di inventare (molto rigida) ad una struttura molto più elastica con ampia libertà di inventare (molto fluida). Nell’ambito di una stessa filosofia la mentalità dei gruppi di giocatori varia in base alla strategia scelta mentre la libertà di inventare non cambia anche utilizzando strategie diverse. In pratica la struttura della mentalità è assegnata dalla filosofia mentre i singoli livelli sono definiti in base alla strategia scelta (e la mentalità del singolo giocatore è assegnata in base alla posizione in campo). La libertà di inventare dei singoli giocatori viene determinata dal compito assegnato (automatico – difendere – sostenere – attaccare) mentre la libertà di inventare dei gruppi di giocatori è definita dalla strategia. 

Nota bene: L’approccio molto rigido —> molto fluido non è una scala ma una differenziazione di strutture logiche, ognuna con le sue peculiarità e caratteristiche. 

 Scopo della Filosofia 

In Football Manager definisce quanto un giocatore sia aderente o meno alla sua specifica posizione nel campo di gioco. Le filosofie usate dal Creator sono cinque: Molto Rigida, Rigida, Bilanciata, Fluida e Molto Fluida. In parole semplici, chi vuole puntare sullo schema e sulla stabilità complessiva potrebbe preferire una filosofia Rigida. Chi vuole aggiungere più talento alla fase offensiva potrebbe preferirne una più fluida. Ovviamente la realtà è distante da questa classificazione. In ogni caso, l’abilità dei giocatori, le altre istruzioni tattiche e le preferenze personali avranno il loro peso nella decisione su quale filosofia usare. Inoltre le istruzioni di squadra introdotte con l’edizione 2014 potrebbero consentire di modificare ulteriormente queste impostazioni iniziali.

Molto Rigida (compattezza 4 – mentalità 1 – libertà di inventare 1 – Pressing 3) – Nella filosofia Molto Rigida ogni giocatore è incaricato di mantenere il più possibile la posizione. Lo schema è fisso e la mentalità dei giocatori ordinata. Ai difensori verrà detto di agire dietro i centrocampisti che a loro volta giocheranno dietro le punte. I giocatori tendono a non allontanarsi troppo dalle loro posizioni e a non sovrapporsi. Il riferimento è alla “Regola dell’Uno”(Rule of One) con le variazioni dovute a ruoli e compiti. Il vantaggio di una struttura rigida è che puoi piazzare accuratamente i tuoi uomini. La squadra manterrà la struttura e sarà difficile per gli avversari spezzare l’equilibrio. Comunque sia, con pochi movimenti attacco e difesa rischiano di essere prevedibili e trovarsi spesso in inferiorità numerica. Potrebbe essere utile nel caso in cui si vogliano infoltire centrocampo e difesa per difendere il pareggio, ma in caso di disperata ricerca del gol, il potenziale offensivo è ridotto. Questo può essere in parte evitato aumentando la Libertà di movimento e di inventare, incoraggiando il centrocampo a compiere incursioni offensive oppure usando strategie offensive. Ogni giocatore ha uno specifico compito e si suppone che cerchi di seguirlo il più possibile  (in linea di principio sono presenti 5 mentalità diverse per questo tipo di filosofia in una squadra – difensori#centrocampisti centrali#centrocampisti difensivi#centrocampisti d’attacco#attaccanti). 

Football manager - filosofia molto rigida

Football manager – filosofia molto rigida

Rigida (compattezza 1 – mentalità 2 – libertà di inventare 2 – Pressing 1) – L’intento è di mantenere lo schema seppur concedendo a certi giocatori una relativa libertà di movimento fra le linee in modo da supportare i movimenti offensivi. Anche in questo caso, il vecchio concetto del “Gruppo di Due” (Bands of Two) sarà esattamente ricreato e varierà in base a schema, ruoli e compiti. Con questa filosofia c’è più interazione fra i settori del campo. In un 4-4-2 classico, i terzini avranno una mentalità più offensiva dei difensori centrali per incoraggiarli ad avanzare. I centrocampisti centrali si alterneranno: mentre uno attacca l’altro copre. E’ ancora una struttura solida (i terzini sono ancora considerati giocatori difensivi, ad esempio) ma con una certa flessibilità. Aumentare la creatività e la libertà di movimento può essere d’aiuto a dare maggiore vivacità alla manovra offensiva. La Rigida può essere una buona scelta nel caso in cui la struttura della squadra venga messa in difficoltà troppo spesso. I giocatori sono deputati a seguire dei compiti che nell’insieme contribuiscono ad uno specifico elemento del gioco (4 mentalità in tutto: difesa, difesa e transizione, transizione ed attacco, attacco – difensori centrali#terzini – centrocampisti difensivi#centrocampisti centrali e d’attacco#attaccanti).

Football manager - filosofia rigida

Football manager – filosofia rigida

Bilanciata (compattezza 2 – mentalità 3 – libertà di inventare 3 – Pressing 1) – La filosofia Bilanciata non si basa sulla posizione dei giocatori nel campo di gioco ma sui compiti che vengono loro assegnati. Nella Rigida i giocatori sono disposti in modo da mantenere la struttura della squadra. In questa filosofia invece i giocatori d’attacco devono stare alti, quelli difensivi indietro mentre i giocatori di supporto occupano lo spazio di mezzo (attenzione, si parla di singoli COMPITI, non di posizione in campo). In questo modo si possono dare compiti d’attacco alle ali ed ai terzini, ad esempio, ed essi attaccheranno in maniera più decisa rispetto alla Rigida. L’ovvio punto debole di questa filosofia è che si è soggetti a possibili contropiedi. La forma della squadra può essere mantenuta attraverso l’uso dei compiti. Dando compiti più o meno difensivi/offensivi a seconda delle necessità, la squadra può adattarsi rapidamente alle situazioni di gioco. Questa filosofia inoltre concede una maggiore attitudine offensiva rispetto alla precedente. Potranno esserci alcune differenze, ma si può dire che la “Teoria del Ruolo” (Role Theory) di TTF09 è equivalente a questa filosofia. La filosofia Bilanciata inizia a sfruttare le sovrapposizioni. E’ una buona via di mezza tra la libertà offerta dalla filosofia Fluida e la rigidità della precedente. I giocatori sono focalizzati per ciascun compito generico (3 in tutto: difesa, supporto, attacco). 

Football manager - filosofia bilanciata

Football manager – filosofia bilanciata

Fluida  (compattezza 3 – mentalità 4 – libertà di inventare 4 – Pressing 3) – Le mentalità dei gruppi di giocatori sono più ravvicinate e i giocatori tendono ad avere una certa autonomia sulle decisioni. Questo incoraggia la squadra a difendere ed attaccare in modo compatto. Nella Fluida, la squadra si divide tendenzialmente in due gruppi di cinque giocatori. Ai giocatori difensivi è detto di stare indietro, mentre a quelli offensivi di spingere. Ci possono essere delle piccole variazioni in base allo schema e ai ruoli, ma effettivamente si dà licenza ai giocatori offensivi di attaccare l’avversario rimanendo coperti in caso di contropiede grazie alla copertura fornita dai giocatori difensivi. Si può accostare alla teoria “5×5” (5×5 Theory) di TTF09. Si giocherà un calcio leggermente più creativo, pur mantenendo una certa stabilità difensiva. I giocatori devono seguire solo due compiti specifici: attacco o difesa.

Football manager - filosofia fluida

Football manager – filosofia fluida

Molto Fluida (compattezza 5 – mentalità 5 – libertà di inventare 5 – Pressing 5) – E’ l’ultima filosofia  e  con essa si dirà alla squadra di attaccare e difendere in modo compatto. Le mentalità dei giocatori sono virtualmente le stesse e si muovono come credono sia meglio. Questo può portare a grandi folate offensive, con i giocatori che si muovono gli uni insieme agli altri, ma anche ad una vulnerabilità difensiva nel caso in cui non venga detto loro di mantenere le posizioni quando l’avversario attacca. E’ virtualmente equivalente alla mentalità “Globale” (Global) spiegata in TTF09. Tutti i giocatori hanno la stessa mentalità, tranne gli attaccanti fissi o il centrocampo, in modo da costruire un collegamento fra le zone del campo. Quando le cose vanno bene, si avrà un calcio offensivo molto bello a vedersi. Viceversa, la difesa potrebbe soffrire molto. I giocatori contribuiscono a tutte le fasi di gioco. 

Football manager - Filosofia molto fluida

Football manager – Filosofia molto fluida

I livelli di mentalità definiscono la struttura della squadra: con ‘molto rigida’ devi aspettarti che i giocatori eseguano innanzitutto i compiti assegnati mentre con ‘molto fluida’ noterai che ciascun giocatore cercherà di svolgere più compiti all’interno dello schema tattico. Nel complesso la libertà creativa è maggiore in un sistema più fluido perché ci sono meno specialisti deputati ad agire singolarmente ed in maniera estremamente finalizzata. In breve, se si vogliono assegnare principalmente vari compiti specifici ai singoli giocatori (finalizzazioni, recuperi del pallone, tipi di regia) allora sarà necessario un approccio più rigido, se si vuole invece avere un team che agisce su più livelli per i singoli compiti (pressing, regia, ecc.) potrebbe rendersi necessario un approccio più fluido.

Tutte le filosofie di gioco hanno una struttura ‘predefinita’ della mentalità ad eccezione di quella bilanciata, la cui struttura varia al variare dei compiti dei giocatori.

Da non sottovalutare gli attributi ‘mentali’ che permettono ai singoli giocatori ed al team nel suo complesso di affrontare meglio i compiti assegnati: appare evidente che giocatori con scarsi attributi mentali farebbero fatica a svolgere più compiti, specie se riferiti sia alla fase offensiva che a quella difensiva. Di conseguenza team di basso livello, se non omogenei, probabilmente giocano meglio con filosofie rigide mentre quelli di alto livello potrebbero tranquillamente adottare filosofie più fluide.

Disquisizioni e chiarimenti anche ‘dissacranti’ sulle filosofie di gioco di Football Manager

La struttura della mentalità di un sistema ‘fluido’ è in realtà molto rigida nel complesso ma tenta di bilanciare le debolezze di un sistema ‘rigido’, promuovendo maggiore interazione tra gli attaccanti ed i centrocampisti offensivi. Se si dovesse ridare un nome alle impostazioni di stile, si potrebbe fare riferimento a ‘fluido’ che ridiventa ‘bilanciato’, con ‘molto fluido’ che diventa ‘fluido” e ‘bilanciato’ che potrebbe diventare ‘asimmetrico’ (tanto più che bilanciato può essere utilizzato per creare sistemi molto più fluidi di ‘molto fluido’). 

Gli stili ‘rigidi’ sono destinati ad essere efficienti nel promuovere una rapida transizione dalla difesa all’attacco. Un aspetto chiave di questo approccio è l’idea che si sposta rapidamente la palla attraverso le varie linee alla ricerca di un attaccante pronto ad approfittare di qualsiasi spazio disponibile lasciato dagli avversari. Il vantaggio di queste filosofie di gioco è che si creano più velocemente le occasioni da gol rendendo più facile poi raggruppare la squadra in fase difensiva, ma il lato negativo è che l’attacco diventa molto unidimensionale. Inoltre se si sta impostando il resto della squadra per giocare un calcio di possesso, si arriva a concedere il tempo agli avversari di organizzare la difesa ed a quel punto diventa difficile scardinare le difese senza avere attaccanti di grandi capacità. Molto rigido, in teoria, è destinato a rendere l’effetto del ruolo assegnato più pronunciato.

Uno stile di tipo ‘fluido’ agisce chiudendo il gap tra i centrocampisti d’attacco e gli attaccanti. L’idea è che, mentre il reparto offensivo nel suo complesso potrebbe apparire piuttosto isolato, i singoli attaccanti possono agire meglio nell’insieme rispetto ad un singolo giocatore identificato come punto focale dell’attacco. Naturalmente, la struttura paradossalmente rigida di ‘fluido’ (un gruppo difensivo ed uno offensivo ciascuno con un focus abbastanza specializzato) produrrà un sacco di pareggi se non si hanno giocatori di qualità in quanto c’è meno movimento tra le linee (d’altra parte si manterrà una difesa stretta contro squadre che agiscono in contropiede), ma dovrebbe tradursi in una maggiore interazione tra gli attaccanti ed i centrocampisti offensivi, che è fondamentale se si vuole un sistema basato sul possesso palla in grado di produrre goals. 

In generale, come linea guida per trovare il vostro sistema, si potrebbe dire che ‘molto fluido’ e ‘bilanciato’ sono la strada da percorrere inizialmente in quanto consentono di ottenere più giocatori focalizzati principalmente sulla realizzazione di una strategia ben precisa. Questo è implicito nel ragionamento generalista/specialista. Proprio come ‘rigido’/’molto rigido’ sono strutture basate su una moltitudine di compiti e ‘fluido’ ha due gruppi specifici di giocatori concentrati su un paio di compiti specializzati, ‘molto fluido’ ha tutta la squadra concentrata principalmente su un unico specifico compito. E ‘bilanciato’, essendo lo stile più flessibile in assoluto, permette di impostare gran parte della squadra intorno ad una singolo compito nel modo che più soddisfa. ‘Bilanciato’ fondamentalmente rende l’effetto del compito assegnato più pronunciato, quindi se si imposta compiti di difesa e/o sostegno agli attaccanti si vedrà il movimento molto più dinamico tra le linee (cioè, fluidità). Questo è il motivo per cui con ‘bilanciata’ si può fare una tattica estremamente fluida o estremamente rigida a seconda di come la si imposta.

Pertanto, dal momento che tutta la squadra (o gran parte del team), si focalizza principalmente sul compito in questione, c’è meno onere per ogni giocatore in campo nello svolgere la funzione primaria della squadra e meno possibilità di un determinato giocatore di rompere la struttura di squadra. Inoltre, poiché tutta la squadra si concentra principalmente su un solo compito, i singoli non hanno bisogno di essere particolarmente eccezionali in quello che fanno per mantenere il sistema di gioco efficace e coerente. Naturalmente, il rovescio della medaglia di questo approccio è che comunque la qualità dei giocatori deve essere abbastanza omogenea per evitare troppi punti deboli. La dicotomia ‘rigido’ vs ‘fluido’ può essere paragonata a efficienza/stabilità vs varietà/imprevedibilità. 

Una squadra con una filosofia “molto rigida’ è come un’orchestra sinfonica dove ogni musicista ha il suo spartito (molto diverso dallo spartito degli altri membri dell’orchestra) e deve attenersi ad esso, concentrandosi sul ritmo o sezione armonica secondo il compito ricevuto e rispettando gli ordini ricevuti dal direttore … e la sinfonia viene fuori come una magia, con l’orchestra che suona nel suo complesso. 

D’altra parte, una squadra con una filosofia “molto fluida” è come un’orchestra jazz dove c’è un tema principale attorno al quale ogni musicista costruisce le proprie improvvisazioni, in questo caso ogni musicista segue il tema principale, ma lo svolge con la propria improvvisazione che copre sia la parte armonica che il ritmo … e il capolavoro del jazz viene fuori come una magia, con l’orchestra che suona come un tutt’uno. 

Non tutti i moduli sono adatti per le varie filosofie di gioco

In linea con l’ approccio dei ruoli generici/specialisti si dovrebbe tenere a mente che la disposizione in campo di alcuni moduli può renderli intrinsecamente più specializzati. Il 4-2-3-1 è un buon esempio in quanto ha 4 giocatori in attacco e la squadra é inoltre suddivisa in 4 linee. Ciò significa che, con uno stile rigido o molto rigido (o uno stile bilanciato mal implementato) questo modulo può risultare alla fine estremamente sconnesso e squilibrato. Di conseguenza i giocatori che preferiscono stili rigidi devono diffidare di formazioni che utilizzano più di un centrocampista nella metà campo avversaria o con i reparti divisi in più strati. In caso contrario potrebbe accadere di trovarsi con la difesa in inferiorità numerica in quanto centrocampisti ed attaccanti non rientrano. 

Terzini aggressivi costituiscono un aspetto fondamentale di sistemi tattici moderni

Da FM13 le squadre per avere movimenti di smarcamento efficaci in attacco hanno bisogno di spazio ed un modulo con una struttura bloccata, sia essa offensiva o difensiva, non è più adeguato per sviluppare un gioco offensivo valido. Ad esempio il 4-2-3-1 od il 4-3-3 che utilizzano esterni d’attacco o registi larghi necessitano comunque di terzini che si spingono costantemente in avanti per allargare i difensori ed evitare alle difese più compatte di costringere gli attaccanti a tirare da lontano. Di conseguenza anche con le mentalità più basse i terzini dovrebbero non solo essere entrambi impostati quantomeno in automatico e per favorire le loro discese sulle fasce i giocatori non dovrebbero rifuggire addirittura dall’assegnare due compiti di difesa a centrocampo.

Nelle filosofie rigide i giocatori sono distanziati in modo che i difensori centrali hanno un ruolo più conservativo dei terzini al loro volta meno conservativi dei centrocampisti e così via. Quindi ogni giocatore è più interessato alla propria posizione individuale sul campo. Quando ad esempio si sceglie una strategia ‘standard’, i terzini possono essere più offensivi che il vostro centrocampista centrale. Se siete alla ricerca di giocatori di sovrapposizione la filosofia ‘bilanciata’ può essere il modo migliore per raggiungere esattamente questo: ali a sostegno e terzini ad attaccare.

Riassumendo:

Molto fluida: tutti la stessa mentalità. L’unica vera modifica che puoi fare sull’atteggiamento dei giocatori la si ottiene cambiando la strategia di squadra – preferisci cambiare mentalità tramite la strategia? Prova ‘molto fluida’. 

Fluida: la squadra è divisa in due gruppi, uno offensivo ed uno difensivo. La strategia di squadra e la posizione dei giocatori rispetto al modulo di gioco definiscono le singole mentalità – preferisci cambiare mentalità variando un mix tra strategia e compiti? Prova ‘fluida’. 

Bilanciata: la strategia della squadra ed i vari compiti definiscono la mentalità individuale – preferisci cambiare mentalità variando i compiti assegnati? Prova ‘bilanciata’. 

Rigida: la strategia di squadra e la posizione definiscono la mentalità individuale – preferisci cambiare mentalità principalmente variando un mix tra ruoli e compiti? Prova ‘rigida’. 

Molto rigida: la strategia di squadra e la posizione definiscono la mentalità individuale – preferisci cambiare mentalità soprattutto tramite il ruolo? Prova ‘molto rigida’.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
MOLTO RIGIDA                                        
DIFENSIVA     4d   2cl 2cc       2a                    
STANDARD               4d 2cl 2cc     2a            
OFFENSIVA                         4d 2cl 2cc     2a  
                                       
RIGIDA                                        
DIFENSIVA     2dc   2dd   4cc         2a                
STANDARD             2dc   2dd 4cc       2a          
OFFENSIVA                     2dc   2dd 4cc       2a  
                                       
BILANCIATA                                        
DIFENSIVA     4d     4c           2a                
STANDARD             4d     4c       2a          
OFFENSIVA                     4d     4c     2a    
                                       
FLUIDA                                        
DIFENSIVA     4d       4c       2a                  
STANDARD               4d       4c   2a          
OFFENSIVA                         4d       4c   2a  
                                       
MOLTO FLUIDA                                        
DIFENSIVA     8d-c     2a                          
STANDARD                   8d-c   2a                
OFFENSIVA                               8d-c   2a    

La tabellina qua sopra riassume le posizioni degli sliders della mentalità in base a filosofia e strategia di gioco. L’esempio è riferito ad un 4-4-2 in linea con 4 difensori – compito difendere – 4 centrocampisti – compito sostenere – 2 attaccanti – compito attaccare. Come si può notare utilizzando strategie offensive la mentalità subisce variazioni importanti anche per quelle filosofie che venivano a torto considerate difensive. Nella ‘molto rigida’ ci sono 4 fasce di mentalità coi centrocampisti laterali impostati con una tacca più bassa rispetto ai centrocampisti centrali. Nella ‘rigida’ troviamo pure 4 fasce di mentalità coi terzini più avanti rispetto ai difensori centrali. Nella ‘bilanciata’ e nella ‘fluida’ troviamo 3 fasce di mentalità con la fluida che però prevede la squadra più raccolta. La ‘molto fluida’ ha solo due fasce di mentalità. Come compattezza di squadra è evidente che la classificazione è da riconsiderare, come esposto all’inizio dell’articolo.

La libertà di inventare è definita dalle singole filosofie e può essere schematizzata così:

 Libertà di inventare  Difesa  Supporto  Attacco
 Molto rigida  2  6  10
 Rigida  4  8  12
 Bilanciata  6  10  14
 Fluida  8  12  16
 Molto fluida  10  14  18

Il pressing è suddiviso su 3 livelli: il più basso riferito alle filosofie ‘rigida’ e ‘bilanciata’, un po’ più alto riferito a ‘molto rigida’ e ‘fluida’ e alto a ‘molto fluida’.

 Dicotomia filosofie rigide/fluide: 

Rigida
– I difensori difendono
– I centrocampisti agiscono a supporto sia della difesa che dell’attacco
– Gli attaccanti attaccano
– La libertà di inventare al di fuori della struttura tattica prescelta è limitata
– La mentalità è definita solo parzialmente dalla posizione dei giocatori e dai compiti
– La mentalità varia solo leggermente tra difensore e difensore, centrocampista e centrocampista, attaccante ed attaccante
In pratica cosa significa?
+I giocatori si attengono rigidamente alle istruzioni tattiche e pertanto il controllo del giocatore è abbastanza preciso
+La squadra è più disciplinata ed incline a mantenere l’assetto tattico prescelto
+Più indicata per giocatori con attributi tecnici e mentali bassi
+Funziona bene con sistemi che non hanno linee di giocatori piatte, quali ad esempio il 4-1-2-2-1 od 4-4-2 Diamante
–La scarsa libertà di inventare potrebbe limitare la varietà delle giocate
–I livelli di mentalità così simili potrebbero limitare i movimenti ‘tra le linee di giocatori’
–Gli avversari potrebbero approfittare utilizzando movimenti ‘tra li linee’ quando usate sistemi flat come il 4-4-2
–Sistemi di gioco come il 4-2-3-1 potrebbero essere vulnerabili in quanto gli attaccanti non tornerebbero a copertura della squadra
 
Fluida
– Le responsabilità difensive ed offensive sono condivise all’interno di tutta la squadra
– I giocatori in qualsiasi posizione siano hanno una mentalità quasi coincidente con la mentalità di squadra
– Le strategie difensive garantiscono che gli attaccanti tornano a difendere mentre quelle offensive garantiscono che i difensori vadano in attacco
– La libertà di inventare al di fuori della struttura tattica prescelta è facilitata ed incoraggiata
In pratica cosa significa?
+La squadra è più compatta – a causa della mentalità univoca – adattandola bene a sistemi ‘flat’ come il 4-4-2
+Giocatori intelligenti, creativi e mentalmente capaci possono fare la differenza
+Difensori ed attaccanti agiscono come un gruppo unico rendendo il gioco più vario e di difficile interpretazione per gli avversari
–L’utente perde una parte importante di controllo sui giocatori
–Effetti non sempre prevedibili
–Senza le giuste tipologie di giocatori il sistema potrebbe andare in crisi
–A quel punto l’attacco potrebbe diventare sterile e la difesa vulnerabile
Fluidità/rigidità e ruoli
– La fluidità di squadra è direttamente proporzionale alla ridondanza di ruoli perché ci si aspetta che tutti i giocatori contribuiscano al gioco in merito a tutti gli aspetti della partita
– La rigidità di squadra favorisce istruzioni specifiche ruolo per ruolo e di conseguenza un maggior controllo da parte dell’utente 
 

Football Manager – Strategie – La definizione di strategia/mentalità di gioco

Le parole “tattica” e “strategia” in alcune situazioni possono sembrare sinonimi. Tuttavia, in Football Manager, la strategia è lo stile d’attacco e difesa che una squadra attuerà. Il Creator offre sette strategie diverse. Esse servono per dire quanto incisivamente una squadra deve attaccare o difendere. Questa può essere una decisione vitale se durante un incontro si vuole mantenere o ribaltare il risultato. Semplicemente, più avrai la necessità di far gol, più dovrai attaccare; più dovrai tentare di mantenere il risultato, più dovrai difendere: dovrai però tener conto dello stile di gioco della tua squadra, il livello dei tuoi giocatori e dell’avversario, se giochi in casa o in trasferta, se è una partita di campionato o di coppa, e l’importanza dell’incontro.Quando descriveremo le istruzioni tattiche in queste strategie, ricorda che si tratta di generalizzazioni. Dipende tutto dalla filosofia, dallo stile di gioco, dalle istruzioni, dai compiti, dai ruoli e dalle istruzioni da bordocampo. Insomma, l’allenatore ha un grande controllo sul gioco della squadra. Nel menù a discesa, le opzioni sono elencate dalla più difensiva alla più offensiva. Qui le divideremo in tre categorie: “standard”, “a forte impatto” ed “estreme” che però non corrispondono a quelle descritte da varie guide ma vengono proposte in base ai vari settaggi che verranno impostati a livello di squadra. In questo caso ci troviamo di fronte ad una vera e propria scala di valori che definisce le strategie dalla più difensiva (contenimento) alla più offensiva (tutto per tutto) proprio nell’ordine proposto dal Tactic Creator. Pertanto la scala è la seguente:

Contenimento —> Difensiva —> Contropiede —> Standard —> Controllo —> Offensiva —> Tutto per tutto

Mentalità difensiva
Descrizione: La squadra si posizionerà bassa nella propria metà campo, giocherà semplice e si lancerà in avanti solo quando ci saranno chiare opportunità offensive.
Ampiezza dei passaggi: molto corti per compiti d’attacco, diretti per compiti difensivi, misti per compiti di supporto.
Linea difensiva: bassa
Ritmo di gioco: molto lento
Ampiezza di gioco: trame offensive tramite vie centrali con squadra molto stretta
Fuorigioco: No
Perdita di tempo: tanto
Contrasti: Leggeri (dif) Misti (c-a)
Marcature: Difendere e Supporto (Marcatura stretta), Attacco (Zona)
Ruoli con libertà di movimento: Pochissimi
 
Mentalità contropiede
Descrizione: La squadra cercherà di interrompere le azioni offensive avversarie nella propria metà campo e giocherà un calcio più metodico ed orientato al possesso palla fino a che non non si presenteranno chiare opportunità offensive da eseguire con contropiedi veloci e con passaggi diretti.
Ampiezza dei passaggi: corti per compiti offensivi, misti-lunghi per compiti difensivi, misti per compiti di supporto.
Linea difensiva: medio-bassa
Ritmo di gioco: lento
Ampiezza di gioco: squadra stretta con trame offensive per vie centrali
Fuorigioco: No
Ruoli con libertà di movimento: Pochi
 
Mentalità standard
Descrizione: la squadra cercherà di prendere il controllo del centrocampo e le trame offensive si svilupperanno con un gioco metodico dalla metà campo.
Ampiezza dei passaggi: misti per compiti d’attacco, misti-corti per compiti difensivi, misti per compiti di supporto
Linea difensiva: media
Ritmo di gioco: standard
Ampiezza di gioco: trame offensive miste
Fuorigioco: No
Perdita di tempo: normale
Contrasti: Normali
Marcature: Difendere e Supporto (Marcatura stretta), Attacco (Zona)
Ruoli con libertà di movimento: Normali
 
Mentalità Controllo
Descrizione: La squadra cecherà di dominare il centrocampo e lanciare veloci ed elaborate trame offensive partendo dalla metà campo avversaria.
Ampiezza dei passaggi: misti-lunghi per compiti offensivi, corti per compiti difensivi, misti per compiti di supporto
Linea difensiva: medio-alta
Ritmo di gioco: veloce
Ampiezza di gioco: trame offensive che si sviluppano per vie laterali con squadra più larga
Fuorigioco: No
Ruoli con libertà di movimento: Abbastanza
 
Mentalità Offensiva
Descrizione: La squadra cercherà di pressare gli avversari nella loro metà-campo e cercherà di dominarli con una serie ininterrotta di veloci trame offensive.
Ampiezza dei passaggi: diretti per compiti offensivi, molto corti per compiti difensivi, misti per compiti d’attacco
Linea difensiva: alta
Ritmo di gioco: molto veloce
Ampiezza di gioco: trame offensive che si sviluppano per vie laterali con squadra molto larga
Fuorigioco: Sì
Perdita di tempo: pochissimo
Contrasti: Duri
Marcature: Difendere e Supporto (Marcatura stretta), Attacco (Zona)
 Ruoli con libertà di movimento: Molti

Strategie Estreme – da utilizzarsi solo in casi di emergenza

Contenimento: la strategia-“ci rinuncio”. Ultradifensiva, mira a tenere la palla lontana dalla porta lungo tutto il match. Una squadra sarà sottoposta ad un pressing eccessivo giocando così per tutto il tempo, ma quando si vuole disperatamente mantenere il risultato questa strategia potrebbe bastare per ottenere una vittoria o un pareggio contro un avversario molto più forte. Con il Contenimento si rinuncia all’attacco, istruendo gli uomini a giocare dietro la palla perdendo tempo. E’ utile: alla fine di un incontro quando si è sottoposti ad una tremenda pressione avversaria e si vuole portare a casa il risultato; contro squadre ultra-offensive.

Tutto per Tutto: è l’opposto del Contenimento e mira a colpire l’avversario con ondate continue. La prudenza non esiste più e tutti sono incaricati di attaccare. Anche in questo caso, non è indicato giocare così per tutto il tempo, ma per 5-10 minuti per volta, quando quando il gol tarda ad arrivare o quanto basta per spezzare la resistenza avversaria fino al risultato desiderato. E’ utile: a fine partita quando c’è un disperato bisogno di segnare; contro squadre ultradifensive.

Come si può notare ogni istruzione può avere settaggi o livelli multipli che sono associati alle varie mentalità.  Le cosiddette ‘istruzioni di squadra’ operano principalmente riducendo od incrementando questi settaggi di uno o due livelli. Per esempio si può scegliere la strategia ‘controllo’ modificando la linea difensiva abbassandola e magari aumentando contemporaneamente il ritmo di gioco, creando così un mix di settaggi non previsti dalle mentalità standard.

Elenco dei vari livelli di settaggio per le istruzioni principali:

Ampiezza passaggi
– Semplici
– Molto corti
– Corti
– Misti-corti
– Misti
– Misti-lunghi
– Lunghi (diretti)
– Molto lunghi
– Lunghissimi

Altezza linea difensiva
– Molto bassa
– Bassa
– Medio bassa
– Media
– Medio-alta
– Alta
– Molto alta

Ritmo di gioco
– Lentissimo
– Molto lento
– Lento
– Normale
– Veloce
– Molto veloce
– Velocissimo

Ampiezza di gioco
– Gioca sempre per vie centrali
– Gioca spesso per vie centrali
– Gioca principalmente per vie centrali
– Gioca indifferentemente
– Gioca principalmente largo
– Gioca spesso largo
– Gioca sempre largo

Libertà di movimento (movimenti orizzontali)
– Nessuna
– Poca
– Moderata
– Alta
– Totale

La scala di valori da considerare è sempre dalla strategia più difensiva – Contenimento – a quella più offensiva – Tutto per tutto -. Analizzando i vari settaggi si può notare che le strategie ‘difensiva’ ed ‘offensiva’ sono comunque definite da una forte caratterizzazione delle istruzioni e pertanto sono da considerarsi a forte impatto sulla squadra. Dal punto di vista del bilanciamento le strategie Contropiede, Bilanciata e Controllo (dalla più difensiva alla più offensiva) presentano un mix di valori più omogeneo e gestibile.
La mentalità/strategia determina il punto focale di riferimento delle singole filosofie di gioco

Le descrizioni del TC dei vari stili di gioco non sono sempre del tutto esatte. In particolare, gli attaccanti negli stili più fluidi diventano meno propensi a contribuire al gioco difensivo e di transizione nel momento in cui si usano mentalità più aggressive mentre i giocatori difensivi negli stili più rigidi diventano più inclini a contribuire ad altre fasi di gioco quando si usano mentalità più aggressive. Anche il contrario è vero. Giocatori difensivi negli stili più fluidi diventano più rigidamente difensivi quando si utilizza una mentalità meno aggressiva proprio come gli attaccanti negli stili più rigidi diventano più disposti a contribuire alle fasi di transizione quando la mentalità diventa meno aggressiva.

In altre parole non sempre tutti i giocatori contribuiranno a tutte le fasi di gioco in un sistema molto fluido né d’altra parte i giocatori saranno necessariamente limitati ad una sola fase di gioco in un sistema rigido. La mentalità colpisce il punto di riferimento che determina le fasi di gioco alle quali ciascun giocatore contribuirà. Si noti che le impostazioni di strategia sono più flessibili rispetto ai loro nomi e questo è vero anche per la fluidità. Una strategia ‘contenere’ con stile di gioco molto fluido, ad esempio, non avrà difensori sempre in attacco ma avrà tutta la squadra concentrata sull’attuazione della strategia ‘contenere’, a scapito sicuramente del gioco offensivo, ed in misura minore delle fasi di transizione. Con questi concetti  in mente può risultare più utile pensare allo stile di gioco in termini di volontà del giocatore di contribuire alla strategia di base. Ad esempio i giocatori in un sistema molto fluido saranno tutti concentrati alla realizzazione della strategia di base (sia essa difendere, controllare, attaccare, ecc), mentre attaccanti e difensori in un sistema più rigido saranno meno inclini a concentrarsi sulla strategia di base (ma anche non necessariamente essere impegnati esclusivamente solo in difesa o solo in attacco).

In questo senso, è importante sottolineare che lo stile e la mentalità interagiscono in modi che possono contraddire le descrizioni di base del TC. Per esempio, mentre la descrizione della filosofia  ‘controllo’ dice che i terzini in genere avanzano solo in situazioni prive di rischio, esso ignora il fatto che un terzino in uno stile ‘rigido’ ma offensivo agisce praticamente con la stessa mentalità di un terzino in uno stile ‘molto fluido’ o con una mentalità inferiore in una strategia di ‘controllo’. Ancora una volta, il TC sorvola su queste sottili interazioni mentre invece deve essere chiaro che la strategia-mentalità influisce sul punto di equilibrio delle varie filosofie-stili di gioco.

La mentalità/strategia definisce la vostra struttura di base dei passaggi

Mentre molti giocatori tendono a dare per buono che “Passaggi più corti” o “Più passaggi diretti” definisce la struttura del loro stile di passaggio, la struttura di base è in realtà definita dalla mentalità. Ci sono tre strutture di passaggio fondamentali nel gioco: difensiva, offensiva e standard. La struttura difensiva prevede passaggi più diretti dal retro ed una più precisa interazione tecnica tra gli attaccanti. Quella standard utilizza dei livelli intermedi ed evita passaggi troppo lunghi o troppo corti. La struttura offensiva prevede un tipo di gioco più paziente portato avanti dalle retrovie mentre in attacco si cerca un approccio più diretto e fisico.

Tipo passaggi Ruoli difensivi Ruoli di supporto Ruoli d’attacco
Strategie difensiva Lunghi Misti Corti
Strategie standard Medio-lunghi Misti Medio-Corti
Strategie offensive Corti Misti Lunghi

Istruzioni individuali dei giocatori

   Ruoli di difesa  Ruoli di supporto  Ruoli d’attacco
 Scorribande offensive  Raramente  Misto  Spesso
 Corri con la palla  Raramente  Misto  Spesso
 Tiri da lontano  Raramente  Spesso  Misti
 Palle filtranti  Raramente  Spesso  Misti
 Cross  Raramente  Misti  Spesso
 Cross da  Da lontano  Misti  Fondo
       

Si tratta di uno schema di massima in quanto tali istruzioni sono guidate dai compiti e dai ruoli assegnati ai singoli giocatori.

Qua sotto una tabella riassuntiva (i primi quattro settaggi sono riferiti ai valori veri e propri degli sliders mentre gli altri ai livelli):

Football Manager
CONTENIMENTO DIFENSIVA CONTROPIEDE STANDARD CONTROLLO OFFENSIVA TUTTO PER TUTTO
LINEA DIFENSIVA 2 4 7 10 13 16 20
AMPIEZZA DI GIOCO 2 4 7 10 13 16 20
RITMO DI GIOCO 2 4 7 10 13 16 20
PERDITA DI TEMPO 20 16 13 10 7 4 2
MENTALITA’ -3 -2 -1 0 1 2 3
LIB.INVENTARE X X X X X X X
PRESSING -3 -2 -1 0 1 2 3
PASSAGGI -3 -2 -1 0 1 2 3
CONTRASTI -1 -1 0 0 0 1 1
SCORRIBANDE* X X X X X X X
MOV.CON PALLA* X X X X X X X
PASS.FILTRANTI* X X X X X X X
CROSS* X X X X X X X
LIB.MOVIMENTO -1 -1 0 0 0 1 1

Mentalità – all’interno di ogni livello di strategia vengono differenziate le varie filosofie

Lib. di inventare – 5 livelli in base agli stili/filosofie – da molto rigida (meno) a molto fluida (più)

Pressing – all’interno dei vari livelli si differenziano le filosofie – rigida/bilanciata: meno – molto rigida/fluida: più – molto fluida: di più

* guidate dai ruoli/compiti – difesa —> sostegno —> attacco

Passaggi filtranti: compiti difensivi meno – compiti sostegno più – compiti offensivi metà