Duello Juve-Milan

Mancano 3 giornate alla fine del girone di andata e il campionato restituisce tutte le più forti là davanti. Nell’ultima giornata, la Juve approfitta della sconfitta nel derby del Milan, per operare il sorpasso in vista dello scontro diretto della settimana prossima. E’ una Juve devastante, con miglior attacco (3,5 gol a partita) e miglior difesa. Il Milan resta a due punti, aggrappato alla locomotiva soprattutto con i gol di un redivivo Pazzini, mai così prolifico dalla stagione a Genova sponda Samp.
Il Napoli sta trovando il bandolo della matassa e dopo l’avvio shock si assesta al terzo posto sorpassando una Roma in calo nelle ultime settimane. Anche l’Inter sta tornando su in classifica.
La Sampdoria dei miracoli di inizio stagione invece non c’è più. La banda di Robyreda sembra aver smarrito soprattutto la solidità difensiva.
Sorprende il Cagliari a quota 24, come il Palermo a 23. Un po’ di delusione dall’Udinese con anonimi 19 punti, così come il Torino europeo che è invischiato nelle zone bassissime della classifica a 17 punti.
All’Atalanta a quota 10, a -6 dalla salvezza, sembra che ci voglia un miracolo e forse non sarà Norby a poterlo fare da quello che trapela.
Intanto è anche iniziato il mercato di riparazione.
Il Napoli di Ciroxs è scatenato. De Laurentiis ha messo mano al portafoglio e ha preso Icardi in uno scambio con Bony all’Inter e ha praticamente chiuso per Kovacic inserendo Mertens nella trattativa. La Juve pensa al futuro ingaggiando Verratti e Adler per ringiovanire la rosa nei due ruoli.

Corsa a tre

In Inghilterra le prime 3 viaggiano ad un ritmo insostenibile per tutti. Il Liverpool ha decisamente rallentato, ma resta in corsa. Le due pretendenti maggiori sono lo United, in testa con 50 punti e il Chelsea che insegue a 47. Grande lotta per il quarto posto utile per la Champions con Everton, Tottenham, Arsenal, City nello spazio di 3 punti. E’ un campionato che rispecchia i valori in campo, senza sorprese e senza grosse delusioni.
Sul fronte panchine si registra l’esonero di Magicbus dall’Arsenal, che ha trovato immediato ingaggio dagli arcirivali del Tottenham. Ed è proprio Magicbus a mettere in piedi la trattativa più importante prelevando dal Bayern Monaco il centrocampista Thiago Alcantara con un’operazione da 100 milioni di euro.

Intervista a Miroslaw88, manager del Manchester United

Eccoci qua, dunque lo United sta andando bene, ci sono state difficoltà ad ambientarsi, ma ora sembra che la squadra stia andando ad alta velocità. Crede di poter arrivare al titolo?

Si, il titolo diventa una possibilità, non rientra nei nostri obiettivi stagionali, però ci dobbiamo credere, visto anche il vantaggio di non disputare coppe, le avversarie sono forti, ma faremo di tutto per poter coronare questo sogno di vincere il titolo alla prima stagione dopo il rinnovamento.

Quale giocatore l’ha sorpresa di più e da quale si sarebbe aspettato di più?

Il giocatore che mi ha sorpreso di più è stato sicuramente Kevin Volland, un rendimento mostruoso e inaspettato fin da subito, mi ha davvero reso orgoglioso, mi aspettavo molto di più invece dal suo rivale nel ruolo cioè Lucas, ma il ragazzo avrà tempo di rifarsi sicuramente.

Si è aperto il mercato invernale, ha in mente qualche grossa operazione?

No lo United ha concluso il mercato in entrata ad agosto, la rosa è competitiva e mi soddisfa, quindi a meno che si presentino delle ottime occasioni rimaniamo così.

Ci sono voci in Federazione che il mercato dello United sia stato fatto con troppi indebitamenti, pensa di riuscire a porvi rimedio per evitare sanzioni?

Sicuramente ci sono stati dei problemini, ma ci stiamo già adoperando per porvi rimedio con delle cessioni importanti, già ad esempio è andato via Javier Hernandez a titolo definitivo per 15M, contiamo di rientrare nei parametri senza problemi, questo è l’obiettivo del mercato di gennaio.

Ci dia un giudizio sulle sue più vicine avversarie, il Chelsea e il Liverpool

La premier è tutta bella, perchè ci sono squadre molto competitive (anche grazie alla ricchezza generale delle stesse), trovi sempre squadre arcigne, dallo Swansea fino ad arrivare al Chelsea o al Liverpool. Chelsea e Liverpool sono squadre molto forti, molto temibili, la seconda è in un momento così così, ma sono certo che grazie alle notevoli abilità manageriali tornerà a correre, il Chelsea è una squadra molto talentuosa e costante, spero in un finale di stagione bello e combattuto, e sopratutto divertente perché alla fine questo è lo scopo di tutto ciò, concludo con una stretta di mano virtuale a tutti i miei colleghi inglesi e italiani.