Festeggiamenti in corso ad Eindhoven, dove il PSV battendo 4-1 l’Heerenveen si è assicurato il titolo olandese con tre giornate d’anticipo. Ajax secondo e sicuro del playoff per la Champions, ci andrà insieme ad una fra Feyenoord, Vitesse e Az. Già retrocesso da tempo il Dordrecht.

Belgio alle prese con i playoff scudetto, ottima giormata per Brugge e Gent che vincendo prendono il largo.

A 5 giornate dalla fine situazione ancora incerta in Portogallo per la questione scudetto: Benfica e Porto vincono e restano a soli 3 punti di distanza. Dietro invece tutto abbastanza deciso con lo Sporting ai playoff di Champions e il Braga sicuro dell’Europa League. Guimaraes e Belenenses si giocheranno invece l’ultimo posto utile per il treno europeo.

In Scozia praticamente certo l’ennesimo titolo del Celtic e la qualificazione in EL per Aberdeen e Inverness mentre il Motherwell avrebbe bisogno di un miracolo per non scendere insieme al St. Mirren, condannato da tempo.

In Austria continua il duello fa Salisburgo e Rapid, in Grecia invece è tempo di festeggiare per l’Olympiakos: 4-0 al Levadiakos e titolo in tasca. Tutto ancora aperto per i posti europei, dietro invece già condannate le due fallite Niki Volou e OFI Creta, quasi spacciato l’Ergotelis.

Embolo non si ferma più: l’ennesimo gol del giocatore svizzero/camerunense regala altri tre punti al Basilea che così mantiene dieci lunghezze di vantaggio sullo Young Boys nella Super League Svizzera.

Si deciderà tutto sul filo di lana in Turchia: l’ultima giornata ha visto cadere il Galatasary sul campo del Trabzonspor, il Besiktas passeggiare a Kasimpasa e il Fenerbahce avere ragione del Bursaspor solo a sei minuti dalla fine. La classifica dice Fener 59, Besiktas e Gala 58. Tre in lotta per l’ultimo posto europeo mentre la zona retrocessione è quasi cristallizzata ormai da Balikesirspor, Erciyesspor e Karabukspor.

In Bulgaria il Ludogorets porta a 8 il suo vantaggio sulla seconda, in Croazia la Dinamo è ormai campione, in Repubblica Ceca il Viktoria aumenta a +6 il distacco dalla Sparta mentre in Ungheria il Videoton può festeggiare. Rischia invece la retrocessione la gloriosa Honved, che ha un punto solo sulla zona calda.

In Polonia il Legia vince e fa salire a 4 i punti dal Lech, fermato sul pari, il Romania clamoroso capitombolo interno della Steaua (1-2 dall’Otelul) ma il Tirgu Mures si fa imporre il 2-2 dall’ormai retrocesso Cluj e non riesce nel sorpasso.

In Serbia continua il dualismo Partizan-Stella Rossa (entrambe vincenti), in Slovenia il Maribor cade e riapre il campionato (ringrazia il Domzale, tornato a -4).

Tutto invariato in Russia dove sia Zenit che FC Krasnodar pareggiano (sempre +8 per Hulk e compagni), in Ucraina invece la Dinamo mantiene i 5 punti di vantaggio sullo Shakthar.