Clamoroso allo Stamford Bridge. I campioni d’Inghilterra, dopo il pari interno al debutto contro lo Swansea per 2-2, steccano ancora e cedono al Crystal Palace, che gioca un calcio semplice ma molto efficace. Una grande impresa degli uomini di Pardew che passano in vantaggio con Bakary Sako dopo aver sfiorato più volte la segnatura. Il Chelsea non ci sta e si butta in avanti trovando il pari con Falcao. Ma due minuti dopo ecco Ward a segnare il goal vittoria per gli ospiti. Adesso in casa Chelsea è allarme rosso: 4 punti in 4 giornate e già 8 lunghezze dal City capolista.

Festeggiamenti del Palace dopo la rete di Sako

Festeggiamenti del Palace dopo la rete di Sako

Ma il Chelsea non è l’unica big a cadere in questa giornata. Lo Swansea, squadra solidissima, batte ancora una volta lo United per 2-1: Ayew e Gomis replicano all’iniziale vantaggio di Mata. Ancora più cocente è la sconfitta del Liverpool che ad Anfield si fa travolgere per 0-3 dal West Ham. Lanzini, Noble e Sakho. Prima sconfitta stagionale sia per lo United che per il Liverpool.

Sorride l’Arsenal, che passa sul campo del Newcastle grazie ad un’autorete di Coloccini, è in estasi il Manchester City che ottiene la quarta vittoria su quattro partite. Dopo un primo tempo senza reti, Sterling e Fernandinho sistemano la pratica Watford. Quattro partite, 12 punti. Dieci goal fatti, zero subiti. +5 su Man United, Arsenal e Liverpool. +8 sul Chelsea. Che inizio per la banda Pellegrini. Assomiglia alla fuga iniziale del Chelsea 2014/15, che poi vinse il titolo.

L'esultanza di Raheem Sterling, sua la rete del vantaggio

L’esultanza di Raheem Sterling, sua la rete del vantaggio

Veniamo ai rimanenti incontri: il Southampton trova il primo successo stagionale (3-0 al Norwich), cosa che non riesce al finora deludente Tottenham (solo 0-0 con l’Everton). Importante successo del West Brom a Stoke per 0-1, mentre si dividono la posta in palio Aston Villa-Sunderland (2-2) e Bournemouth-Leicester (1-1).