Il Napoli batte anche la Fiorentina – Dopo aver battuto già Lazio, Juventus e Milan, il Napoli regola anche la capolista Fiorentina nel match clou dell’ottava giornata in un San Paolo gremito e si conferma la squadra del momento. Gli Azzurri salgono al quarto posto in classifica, a tre punti dalla Viola e a due lunghezze dalla Roma, che batte l’Empoli e si avvicina anch’essa alla prima posizione, portandosi a pari punti con l’Inter, che rimedia un pareggio nel Derby d’Italia contro la Juventus. I Campioni d’Italia in carica restano così a netta distanza dalla vetta, in compagnia del Milan, che pareggia a Torino contro l’undici di Ventura e si mantiene ad un punto di vantaggio dalla Vecchia Signora.

Lazio ko contro il Sassuolo, l’Atalanta vola – La Lazio perde sul campo del Sassuolo, che si conferma una delle realtà più interessanti del nostro campionato. I Neroverdi agganciano proprio la squadra di Pioli, che però recrimina per un rigore dubbio, poi trasformato da Berardi. Atalanta in grande spolvero; gli Orobici battono nettamente il Carpi e si portano a ridosso della zona Europa, ad un solo punto dal quarto posto. Recupera terreno anche il Palermo, che passa a Bologna, relegando i Felsinei all’ultimo posto in graduatoria.

Prima gioia per il Frosinone, il Verona arranca – Il giovane Paganini regala al Frosinone la vittoria contro la Sampdoria e la possibilità di agguantare l’Empoli, uscendo così momentaneamente dalla zona rossa, dove invece finisce il Verona, che pareggia in casa contro l’Udinese. Vittoria preziosa anche per il Genoa, che batte il Chievo al fotofinish, dopo essere rimasto in dieci uomini (espulso Dzemaili per doppia ammonizione).

Torneo equilibrato e competitivo – Dopo quattro anni di dominio Juventus, in Serie A sembra ritornato un grande equilibrio. In attesa di un ritorno del Milan e della stessa Juve, nei quartieri alti della classifica si registra un’elevata competitività, assente dal nostro torneo da parecchie stagioni. Oltre al Napoli ed alla Roma, l’Inter si conferma una squadra in grado di lottare almeno per un piazzamento Champions, mentre le Fiorentina, autentica sorpresa del torneo, ha dimostrato di poter impensierire chiunque, candidandosi prepotentemente ad un piazzamento europeo di prestigio. In coda, aria pesantissima a Bologna, dove la squadra è impantanata all’ultimo posto, ma la situazione generale della zona retrocessione appare quanto mai fluida. Ci attende una stagione dalle grandi emozioni, a tutti i livelli.