Premessa

Ciao Ragazzi, quest’emulazione tattica riguarderà Josè Mourinho in arte “Special One”.

 

Tipo di tattica

4-2-3-1

 

Descrizione generica della tattica

Josè Mourinho è uno degli allenatori più vincenti del panorama mondiale, l’astuzia e la sagacia tattica gli hanno permesso di vincere innumerevoli trofei, sia in campo nazionale che internazionale.

Nel corso della sua sfolgorante carriera ha utilizzato diversi moduli, dal 4-3-1-2 ai tempi del Porto al 4-3-3 dei primi anni al Chelsea, successivamente la sua evoluzione l’ha portato ad utilizzare il 4-2-3-1, il modulo in assoluto più utilizzato negli ultimi anni, sia al Real Madrid che nel suo ultimo periodo al Chelsea.

Sarà proprio il 4-2-3-1 “Mourinhiano” che andremo ad analizzare con i seguenti punti:

  • Contropiede veloce
  • Gioco diretto
  • Sfruttamento delle fasce
  • Notevole propensione al cross anche di prima
  • Lanci veloci per ribaltare immediatamente l’azione
  • Difesa alta per accorciare la squadra e rendere più efficace il pressing alto

Una delle citazioni più celebri dal punto di vista tattico dice: “voglio che la squadra sia stretta e compatta in difesa e larga in attacco”. Questo descrive un pò anche se superficialmente il suo credo.

 

Screen modulo & Impostazione squadra

 

Impostazioni individuali

La difesa 

Il portiere deve essere forte sia fra i pali che preciso nei lanci lunghi.

Mourinho solitamente opta per due centrali fisici ma allo stesso tempo veloci, si suddividono come caratteristiche in uno stopper e di un difensore che imposta, capace di riavviare l’azione in maniera veloce e precisa, anche con lanci lunghi.

I terzini devono avere ottime doti fisiche, quindi resistenza, velocità e attitudine al cross.

Il centrocampo

Utilizza i due pivot centrali, nel Chelsea Matic era il regista arretrato che portava avanti l’azione dalla difesa mentre Ramires era il classico incontrista che ama inserirsi in fase offensiva.

L’attacco

Il trio dei trequartisti si componeva, di un regista avanzato (Oscar, Fabregas) un ala destra (William, Pedro) che allargava il gioco sull’esterno e un attaccante esterno (Hazard) invece che convergeva verso l’Interno per favorire gli scambi stretti.

La punta è un ruolo importantissimo nello schema tattico di Mourinho, tendenzialmente preferisce giocatori con una buona struttura fisica ma che allo stesso tempo abbiano la capacità di svariare su tutto il fronte offensivo. Deve saper coprire la palla e fare sponde per gli inserimenti, oltre a pressare in fase difensiva.

 

Precisazioni

  • Nella scelta dei giocatori, soprattutto quelli offensivi dovrete cercare profili che abbiano una notevole velocità per favorire i contropiedi.
  • Questa tattica è stata testata con Porto, Atletico Madrid, Manchester City, Academica de Coimbra.
  • La tattica va appresa al meglio per farsi possa girare e dare risultati che per quanto mi riguarda sono notevoli.
  • Supportate con le urla da bordo campo i giocatori, Incoraggia, Domanda di più, chiedi più grinta.
  • Appena segnate, durante il replay selezionate l’urlo, “state concentrati” è molto importante!!!
  • Contro squadre notevolmente più forti di voi abbassate di una tacca la difesa, soprattutto se presentano giocatori molto veloci.
  • Non utilizzo OI’s ma mi affido al mio secondo che deve essere un ottimo tattico.

 

Per commentare e scaricare la tattica visita il forum FMITA.

QUI

 

 

Fonte: fmbophonet.wordpress.com