Ebbene sì, l’abbiamo trovato. C’era sfuggito nel nostro viaggio, era irreperibile. Nessuno sapeva dove fosse…

Ma per noi non ci sono limiti, abbiamo sguinzagliato i nostri assistenti ed alla fine il lupacchiotto è saltato fuori dalla sua tana!

Sul campo d'allenamentoUn caffè movimentato

Amburgo, ore 11.00

Il ritorno sul campo è sempre divertente. Il trambusto che si crea da parte dei media che vogliono rubare le prime foto della squadra al lavoro, mi ricordano che anche io potevo essere uno di loro.

Sono nel bel mezzo della seduta quando sento il telefono squillare; lascio perdere, non è momento di rispondere. A fine allenamento, dopo un’oretta, scopro che mi sta chiamando un numero sconosciuto.

Richiamo… non appena dall’altro capo sento la risposta, capisco al volo. Chi altri se non quel pazzo poteva prendere un volo senza avvertire e venire qui ad Amburgo solo per “cazziarmi e cantarmene quattro” per non averlo inserito nel precedente articolo? Provo a spiegargli che non l’ho rintracciato, che nessuno riusciva a trovarlo, ma niente. Lui c’era, sono io a non averlo trovato. Alla fine, sono praticamente costretto a fare mea culpa…

Per farla breve, prendiamo appuntamento per il pomeriggio al bar italiano dove sono solito andare. Fa un caffè niente male, considerando che siamo in Germania…

Amburgo, ore 16.50

Sono appena arrivato di fronte al bar. Lupo non è ancora arrivato, ma sono in anticipo, l’appuntamento è per le 17.00.

Passano due minuti ed intravedo una sagoma arrivare da lontano, a passo svelto; incrocia dei ragazzi che con lo skateboard gli tagliano la strada e lo sento distintamente imprecare, nonostante siamo ancora a circa 500 metri di distanza. Non ci sono dubbi, è per forza lui. Avevo sentito parlare dei suoi modi “caratteristici”, è un bel soggetto, ci sarà da divertirsi.

Appena giunge, ci presentiamo velocemente, una stretta di mano e si entra nel bar. Non appena entrati, alla nostra destra sedute ad un tavolo ci sono alcune ragazze di discreta presenza. Lupo non si fa pregare e si avvicina, si presenta, tenta un approccio, le ragazze non capiscono nulla e si allontanano… ed io dentro di me sono sempre più convinto che quest’intervista sarà molto divertente.

Ci sediamo al nostro tavolo, ordiniamo il caffè ed appena arriva, cominciamo l’intervista…

Salve mister, messo subito piede in FMRld, viene chiamato dalla squadra di cui fa il tifo fin da bambino… come ci si sente?
È un’emozione bellissima, sognavo fin da piccolo questo momento, non mi aspettavo una chiamata dalla viola subito, credevo ci fossero altre squadre nel mio futuro.
Non sente il peso di una responsabilità più grande di lei?
Son grande e grosso, difficile trovare cose più grandi di me, certo che non c’è margine d’errore, ma spero di attirare i tifosi con la mia verve.
“Verve”, bella parola mister… infatti abbiamo ancora tutti sotto gli occhi la piazza pulita fatta a Firenze. Sa che tutti lo nominano come il rottamatore, o meglio come il Renzi della viola?
Mi sento più come mister Hammond in Jurassik Park, “qui non badiamo a spese”. Sono un tifoso in primis, e so bene chi negli anni era in squadra per questioni di bilancio/soldi e chi per reale attaccamento… ho voluto epurare alcuni rami marci e dare un taglio netto col passato, vendendo chi gioca male, solo un paio abbiam dovuto venderli per questioni tattiche. Inoltre stiamo con i giovani, chi ha più di 30 anni con me non dura, essenzialmente perché attira allo stadio le zitelle quarantenni, noi s’ha bisogno di figa fresca, 20-28 anni, abbiam persino messo il free ticket alle donne!
Ahahah. Andiamo avanti… Mi scusi mister, ma secondo lei nomi del calibro di Kalinic, Badelj e soprattutto Bernardeschi non era meglio tenerli e costruirci intorno? Tanti addetti ai lavori se lo chiedono…
Kalinic ha 29 anni, si trattava di venderlo per moneta sonante ora, o per spiccioli l’anno prossimo; Badelj è più lento del figlio di Trump e già da tempo non si impegnava come all’inizio. Bernardeschi mi dispiace, è un ottimo ragazzo, ma non adatto allo stile di gioco attuale, inoltre la gestione precedente di quel gobbo schifoso di Sousa ci aveva lasciati con una ventina di giocatori, non c’erano terze linee in giro per il globo con cui far cassa, e molti ruoli erano scoperti, la trattativa Bernardeschi doveva farci fare il salto di qualità, ma in realtà lo abbiam preso nel sedere.
Ottima analisi mister, sicuramente con queste ultime parole avrà convinto i tifosi e i calciofili più competenti, complimenti. Ma comunque ci ha lasciato molto perplessi la trattativa di cessione di Bernardeschi, o meglio, possiamo pure dire che tutto il tram-tram successo è anche colpa sua?
È una storia contorta, avevamo un accordo con l’Inter, attorno ai 23-26 milioni comprese varie clausole, soldi che ci servivano per prendere Rudiger della Roma a 18 (anche qui accordo in tasca) e puntare ad un attaccante forte, belga. Quando siam arrivati alle porte della Roma per fare l’offerta abbiam saputo che avevano venduto il giocatore in Germania, per cui abbiam dovuto virare su un altro difensore centrale, trovando in uno tra Maksimovic e Tonelli la giusta alternativa. Trattando con mister Ciroxs, si è capito che al posto di dargli tanti soldi per un dc, poteva darci tanti soldi lui a noi e pure un dc. Abbiam provato a ricontattare Norby, ma s’è finto animale morto, per cui Bernardeschi è andato al Napoli, solo che poi nessuno dei due centrali voleva venire da noi, e ci siam ritrovati l’ultimo giorno di mercato senza il giocatore che poteva darci qualcosa in più e senza il tempo di trattare una punta seria e sotto sotto Ciro lo sapeva secondo noi, e ci ha mollato una pizza nella trattativa. (n.d.r. la faccia di mister Lupo diventa così 😐 )
Dunque lo sciacallo si è fatto pure lei. Non era preparato al modo di trattare del mister napoletano, sa che ha fatto vittime illustri in passato?
È un mondo di sciacalli, potrei parlare di fradegui del Bologna, che per Masina voleva 3 giocatori di cui uno in prestito pagato da noi e uno sbarco di milioni, di un Jacopo dell’Ingolstadt che se non gli dai quel che vuole chiama subito altre squadre per far partire un’asta, del mister del Milan che per Borja Valero ci dava pure Galliani… l’unica persona di parola e seria trovata è Geofri, tratta i giocatori come persone e non come animali. Di ciro non sapevamo dei magheggi, ma voi non sapete che fui io, anni e anni fa, a mostrare il pallone a Ciro e a insegnargli dove va calciato, per cui mi aspetto che ripaghi lo sgarbo che ha fatto nelle prossime sessioni!
Bella mister ci piacciono le personalità forti come lei sempre pronto a dire come stanno le cose. Ma ora cominciamo ad addentrarci un po’ sul calcio giocato. Tre nomi importanti sono andati via, chi è arrivato o chi arriverà? Ci delucida un po’ sula sua Fiore che sta plasmando e che verrà?
Giochiamo un calcio votato all’attacco e allo spettacolo, per far ciò abbiam recentemente acquistato Enrico Chiesa come preparatore, si occuperà di selezionare le donne per le orge pre e post partita. i giocatori hanno un punteggio a seconda delle prestazioni, se una ragazza rimane incinta il giocatore per punizione non gioca.
Ahahahah
In difesa manteniamo saldo Tatarusanu, può dare tanto per 12 mesi, poi via che ha rotto le palle con quei piedi. Finalmente abbiamo dei terzini, Regasel e Diks a destra, D’Ambrosio e Zampano a sinistra… a destra son due giovanissimi sconosciuti, ma possono migliorare tanto, a sinistra sono italiani, la cosa si compensa, ma dopo 10 anni senza terzini questo è grasso che cola. A centrocampo e in attacco non ci son posizioni fisse, i giocatori si gireranno parecchio e già contro il Maribor in coppa abbiam dimostrato che le nostre riserve possono giocarsela. Certo quest’anno non possiam combattere con corazzate tipo Milan, Juve, Napule, Roma, Lazio, Inter e Caltanissetta, puntiamo ad un posto in Europa League e alle coppe, quelle sì ci possono dar soddisfazioni, punteremo allo scudetto in 3 anni, questo gruppo può crescere bene e ci bastano un paio di innesti per fare il culo a tutti.
Ha una disposizione tattica a cui è più legato? Magari ce ne vuole parlare…
La tattica si chiama Struffolo, si basa su di un 4-3-3 veloce in cui l’unico scopo è cacciarla dentro, anche perché al capocannoniere della squadra a fine anno sono in palio 40 vergini, per cui segneremo tanto tutti… certo questo farà sì che in difesa nessuno ci voglia stare, ma vabbè i ragazzi si devono pure divertire! Io alla loro età andavo a squinzie, di impegnarmi non se ne parlava! Poi vabbé, in squadra c’è un coglione, il mio secondo, gli facevo giocare le partite perché io a quelle ore ero sempre con qualche giornalista femmina che mi “intervistava”, e quel porco ha fatto tutto il precampionato con un’altra tattica, per cui è solo dal Chievo che giochiamo alla Struffolo, dobbiam ancora impararla bene. Perfino la prima abbiam saltato, per colpa del napoletano Ciro, che ci ha portati tutti fuori a magnà a noi della lega Serie A, la sera delle partite, e ci ha lasciati lì mezzi ubriachi mentre andava ad allenare.
Ultima cosa mister e la lascio al suo lavoro. Allora ci “conferma” che il presente sarà una qualificazione alle coppe e in tre anni arriverà a giocarsi lo Scudetto?
Quest’anno coppe, il prossimo coppe varie, Trofeo Tim e nazionale Jamaicana, al terzo anno Scudetto, Champions e mondiale per club asiatico.
Ahahahah grazie mister e in bocca al Lupo!!!
Grazie a te! Ma la prossima volta mandami una donna a intervistarmi, che tu mi pari Ciro. (n.d.r. la faccia del mister diventa di nuovo così 😐 )
Ahahah… ok… ci sentiamo…ciao!
Ciao grazie Dany continua cosi!

Usciamo insieme dal bar e Lupo, prima di salutarci, mi invita a vederci in serata per farci un’uscita fuori orario. Lui tornerà a Firenze solamente domani, per stasera resta qui a godersi la città.

Io domani mattina ho la sessione di allenamento mattutina… Devo declinare, mio malgrado, va a finire che non mi sveglio. E poi se mia moglie lo venisse a sapere, non farmici pensare……

Sul campo d’allenamento | Un caffè movimentato