Siamo nell’autunno del 2001, in tv impazza Passaparola mentre in classifica domina Kilye Minogue con Can’t get you out my head, col suo “lalalalala”, l’adsl è un miraggio e il 56k la fa da padrone

Nei negozi di tutto il mondo sbarca, in quell’autunno, Championship Manager 2001/02 (da noi Scudetto 2001/02), che ancora oggi è considerato il miglior capitolo della serie, aggiornato da tantissime e volenterose persone (potete trovare qualcosa pure sul nostro forum)

Nello sterminato (per l’epoca) database del gioco, subito emerge lui, il sommo, il divino, l’attaccante perfetto: Maxim Tsigalko, 18enne bomber della Dinamo Minsk, strappabile con un tozzo di pane e capace di vincere qualunque classifica cannonieri negli anni a venire

http://fminside.nl/cms/data/upimages/lazylen/tsigalko-profiel.png

64 goal in 32 presenze, ma nemmeno Messi

Tsigalko diventa la leggenda di quel gioco, insieme a nomi come Cherno Samba, Tò Madeira (su cui ritorneremo…), l’acquisto imprenscindibile per ogni allenatore….ma allora, come mai in realtà, Tsigalko non gioca nei top club europei? Perchè i giocatori più forti del mondo sono Ronaldo e Messi, e lui non c’è?

Nella vita reale, la carriera del nostro è stata avara di soddisfazioni: tormentato dagli infortuni, si è ritirato a soli 26  anni dopo aver vestito le maglie di Dinamo Minsk, Naftan, Kaisar, Banants e Savit e con due presenze ed un gol con la nazionale bielorussa, tutt’altro che la prestigiosa carriera che aveva davanti a CM01/02

Ammazza che allegria, oh.

Ad oggi non si sappia cosa faccia, probabilmente sarà impiegato in qualche fabbrica bielorussa a smontare e montare bulloni, meglio è andata al suo gemello (si, giuro, non lo sto inventando) Yuri, che ha avuto una discreta carriera da portiere raccogliendo anche tre presenze in nazionale

Tsigalko, il primo giocatore ad essere conosciuto dalla comunità, quello che veniva consigliato dali amici, dai primi forum su internet, la leggenda di Championship Manager….ma esistono dei video, come giocava, era davvero così forte? L’unica fonte visiva, che deve essere conservata come reliquia, è questo video dell’unico gol in nazionale del nostro, su assist di Nikiforenko (altro giocatore leggendario di quel CM).

https://www.youtube.com/watch?v=f8Iv9WqQ0Ek