OSLO – L’Italia vince ancora, e questa volta i tre punti contavano. Nella prima giornata di qualificazione ai Campionati Europei che si svolgeranno in Francia nel 2016, gli Azzurri di Conte si sbarazzano senza troppe difficoltà della Norvegia con un secco 0-2. Dopo il debutto vincente contro l’Olanda, l’Italia fa forse un passo indietro rispetto all’amichevole di Bari ma riesce comunque ad incamerare la vittoria.

Zaza super – E’ la serata di Simone Zaza, che già nell’amichevole di venerdì aveva fatto intravedere buone cose. L’attaccante del Sassuolo sigla il suo primo gol in Nazionale, quello del vantaggio, dopo un ottimo controllo di palla in area di rigore e sinistro secco ad incrociare. Il pallone, deviato da un difensore norvegese, spiazza Nyland e finisce in fondo al sacco. Zaza che è andato più volte vicino alla doppietta, ma che oltre alle conclusioni a rete ha dimostrato di avere grinta da vendere e qualità da top player: giocate di prima e sullo stretto, capacità di leggere l’azione ancor prima di ricevere il pallone. Insomma, per ora la mancanza di Balotelli non si sente. La Juventus per riacquistare il giocatore dovrà versare 15 milioni al Sassuolo, ma crediamo che sia una spesa giustificata.

 

Zaza conclude a rete per il vantaggio italiano

 

Solidità e scelte giuste – La Norvegia vista ieri è poca cosa, ma ha comunque messo in campo tanta grinta e determinazione, cercando di giocare a due tocchi e con ritmi elevati. Ma la scarsa qualità del reparto avanzato, dove King, unica punta, ha messo più cuore che tecnica, ha fatto sì che per Buffon quella di ieri fosse una serata di quasi totale relax. Il trio difensivo, composto da Ranocchia, Bonucci ed Astori, si è ben comportato in fase di non possesso, mentre è ancora da perfezionare la fase di impostazione da dietro, in cui il solo Bonucci sembra trovarsi a proprio agio in quanto gode di qualità tecniche superiori ai due compagni di reparto. Leonardo Bonucci è sicuramente uno dei giocatori che beneficerà di più della presenza di Antonio Conte sulla panchina dell’Italia: i due si conoscono dalla Juve e Bonucci è forse l’unico giocatore italiano che sa interpretare al meglio il ruolo di libero/regista che il neo-ct gli aveva già assegnato a Torino.

Sulle fasce ci aspettiamo un po’ di personalità in più da parte di Darmian e De Sciglio, che hanno qualità per far bene ma a volte sembrano mancare del mordente necessario per giocare ad alti livelli. Nella ripresa è proprio Darmian a far posto a Pasqual, che si sistema sulla fascia sinistra. Per l’esterno fiorentino si tratta del ritorno in Nazionale dopo ben 7 anni di assenza, e non poteva festeggiarlo meglio: primo pallone toccato, cross pennellato per Bonucci e colpo di testa dello juventino per il 2-0.

Il resto della partita è ordinaria amministrazione. La Norvegia si versa in avanti ma lo fa alla rinfusa, lasciando ampio spazio per i contropiedi italiani. Zaza arriva a tu per tu con Nyland due volte, fermato prima da un difensore sulla linea e poi dalla traversa, De Sciglio raccoglie la respinta del legno ma spara addosso al portiere da pochi passi. Finisce così, Italia non bellissima ma solida, pratica…e vincente. E questo è quello che conta.

 

Le altre partite del girone H

Croazia 2-0 Malta
Azerbaigian 1-2 Bulgaria

Classifica girone H

Italia 3
Croazia 3
Bulgaria 3
Azerbaigian 0
Malta 0
Norvegia 0

Le altre partite del 09/09

Kazakistan 0-0 Lettonia
Andorra 1-2 Galles
Bosnia-Erzegovina 1-2 Cipro
Islanda 3-0 Turchia
Repubblica Ceca 2-1 Olanda