Volano Juventus e Roma – La seconda e la terza giornata di Serie A regalano gol, emozioni e tante sorprese. Gli equilibri del nostro campionato sembrano già orientati verso un dominio di Juventus e Roma, da sole in testa a punteggio pieno. La Juventus, malgrado il cambio di guida tecnica e un mercato intelligente ma senza particolari fuochi d’artificio, si conferma anche quest’anno la squadra da battere. L’undici di Allegri sbanca San Siro e si aggiudica il big match della terza giornata contro un Milan reduce dalla strepitosa vittoria al Tardini. Il gol di Tevez piega gli uomini di Inzaghi, ma non sembra scalfire l’entusiasmo in casa Milan, compagine che ha dimostrato nel complesso un’ottima qualità in quest’avvio di stagione. Vola anche la Roma, che regola il Cagliari del grande ex Zeman e resta attaccata alla Juventus. I gol di Florenzi e Destro regalano un’altra grande soddisfazione ai tifosi giallorossi, dopo la vittoria spettacolare e convincente in Champions League contro il CSKA Mosca.

Inter a corrente alternata, riecco la Fiorentina – Ancora da definire l’identità dell’Inter. La squadra di mister Mazzarri mantiene l’imbattibilità, ma non va oltre il pari al Barbera, contro un buon Palermo. I Nerazzurri, in compagnia della Sampdoria, centrano quota 5 punti in classifica, ad una lunghezza dalla Fiorentina di Montella che, dopo un avvio di campionato deludente, ottiene la prima vittoria sul difficile campo dell’Atalanta e rilancia le sue ambizioni europee. Nel gruppo di testa benissimo il Verona, terzo a 7 punti, e l’Udinese di Stramaccioni, a 6 punti come il Milan.

E il Napoli? – La grande delusione di quest’avvio di stagione è senza dubbio il Napoli. La squadra di Benitez, dopo il tonfo casalingo contro il Chievo, cade anche a Udine. Pur dominando entrambe le partite, gli Azzurri non portano a casa nessun punto, mostrando una fragilità psicologica a cui l’esperto tecnico spagnolo dovrà prontamente far fronte. In ritardo anche la Lazio, che dopo aver battuto nettamente il Cesena all’Olimpico, cede il passo al Genoa, sorretto per lunghi tratti dalle parate dell’ottimo Perin, che si ripete dopo la grandissima prestazione di Firenze. Di Pinilla il gol deciso per gli uomini di Gasperini.

Torino a picco, primi punti per l’Empoli – Ancora in colpevole ritardo il Torino di Ventura, che paga probabilmente la cessione dei gioielli Immobile e Cerci. I Granata sono l’unica squadra di Serie A che non ha ancora segnato una rete in campionato. Nelle retrovie, si sblocca l’Empoli, che pareggia 2-2 a Cesena, conquistando così i primi gol e i primi punti della stagione.

Classifica

Roma 9

Juventus 9

Verona 7

Milan 6

Udinese 6

Inter 5

Sampdoria 5

Atalanta 4

Fiorentina 4

Genoa 4

Cesena 4

Lazio 3

Parma 3

Chievo 3

Napoli 3

Palermo 2

Sassuolo 2

Torino 1

Cagliari 1

Empoli 1