Vi ricordate il film Sliding Doors? Dove la vita di Helen si dipana in due direzioni a seconda se prenda o no la metropolitana? Ovvero, cosa sarebbe successo se…si ma noi parliamo di Football Manager, cosa c’entra il film? Di questo ne parliamo dopo.

Che gnocca la Paltrow in quel film...ehm.

Che gnocca la Paltrow in quel film…ehm.

Corre l’anno 2003 e ad ottobre esce la versione 03/04 di Championship Manager aka Scudetto. Annata calcistica che vedrà il suo culmine nella finale tutta italiana di Manchester tra Milan e Juventus, è l’ultima stagione della A a 18 squadre e la B a 20: il Caso Catania sconvolgerà tutto con una B elefantiaca a 24 squadre! Ma torniamo a CM.

In quel gioco s’impongono subito come acquisti imprenscindibili due giovani del vivaio della Roma: Alessio Cerci e Alessandro Simonetta. Entrambi hanno valori altissimi, e diventano nel gioco i giocatori italiani più forti, vincendo trofei a iosa e con statistiche fuori dal normale

alessandrosimonetta

Beh, però alla fine in Spagna ci è arrivato.

Beh, però alla fine in Spagna ci è arrivato.

Ora, qui la nostra storia prende una piega diversa, alla Sliding Doors, al momento topico in cui Helen prende o non prende quel treno: il momento del destino.

Alessio Cerci, detto l’ Henry di Valmontone, dopo gli anni alla Roma si fa le ossa in B a Brescia e Pisa, poi passa in quel di Bergamo prima di finire alla Fiorentina dove tra alti e bassi continua il suo percorso di crescita prima d’esplodere e maturare come uomo a Torino sotto le mani di Ventura e finire in un top club come l’Atletico Madrid. Non è diventato il mostro di CM 03/04, ma è comunque un ottimo giocatore che è anche il lizza per la Nazionale, con cui ha partecipato al mondiale brasiliano, insomma si può dire che non si è perso (anche se ha rischiato tanto).

Alessandro Simonetta ha come Cerci assaggiato la B: due anni ad Arezzo ma poi qualcosa si è rotto, qualcosa si è perso….non possiamo saperlo. Il nostro è passato alla C1 con la Samb e poi è sceso in C2 col Sudtirol, poi ancora giù in D con l’Astrea con cui gioca da 4 anni (è quindi una guardia penintenziaria, l’Astrea appartiene al Ministero della Giustizia). Una carriera al contrario quella di Simonetta, che non ha avuto nemmeno la gioia dell’esordio in A.

Non ho trovato gol di Simonetta sul tubo, e le immagini risalgono al periodo all'Arezzo.

Non ho trovato gol di Simonetta sul tubo, e le immagini risalgono al periodo all’Arezzo…secondo me qui maledice Cerci, nella sua mente

Chissà se Simonetta pensa a Cerci, a quando giocavano insieme, a quando erano gli idoli del popolo di CM, cosa poteva diventare e invece a cosa è diventato, se provava invidia guardando il suo ex compagno giocare il mondiale in Brasile. Chissà cosa è successo in quei due anni di B, se la porta del treno si sarebbe aperta per Simonetta e non per Cerci. Interrogativi a cui non avremo mai risposta.

PS: vi linko un vecchio articolo sui nostri – Link

slidin02

Si, la chiosa finale è per mettere ancora una foto della dea Paltrow. Per me anche lei ha avuto lo stesso dubbio su Simonetta e Cerci. Forse.